Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

La comunità Slow Food della Mosciarella, a Capranica Prenestina arriva lo storico riconoscimento


Un altro tassello importante per la salvaguardia di questo meraviglioso ambiente

Dopo il riconoscimento del Monumento Naturale “Il Castagneto Prenestino” il Comune di Capranica Prenestina aggiunge un altro tassello importante per la salvaguardia di questo meraviglioso ambiente, dove la natura e la tradizione sono uniti in sintonia. Da oggi nasce la Comunità Slow Food della Mosciarella.

Tale traguardo segna un deciso passo in avanti di tutta la comunità capranicense. La conservazione di questa selva castanicola passa in modo imprescindibile dal grande valore del suo prodotto tradizionale: la Mosciarella! Un ringraziamento speciale a tutti coloro che in questi anni hanno contribuito alla sua nascita, al sindaco Francesco Colagrossi, all’Amministrazione Comunale, ai Castanicoltori, ai Ristoratori a tutti i volontari di Servizio Civile del Museo Naturalistico che ci hanno aiutato…e grazie a Francesca Litta di Slow Food Lazio – Condotta del Cesanese 

Obiettivo di questa comunità è preservare le tradizioni legate alla produzione della castagna e del suo ambiente e non a caso nel 2019 nasceva il “Monumento Naturale del Castagneto Prenestino” un’area di 160 ettari attorno al comune di San Vito Romano.

La comunità che vede la partecipazione di “Slow Food Territori del Cesanese”, del sindaco di Capranica Prenestina, del Museo Naturalistico dei Monti Prenestini, di Agricoltori e Ristoratori del territorio si propone di:

-Rafforzare il senso di comunità legato a questo territorio e a questa tradizione in una logica di rete che unisca i vari attori, Slow Food, produttori, agricoltori, ristoratori, ricercatori, giornalisti ed appassionati.

-Salvaguardare il patrimonio forestale castanicolo, che conta numerosi “alberi monumentali”, con pratiche corrette ed anche con il controllo dei roghi e delle attività che possano danneggiare il bosco.

-Preservare la biodiversità attraverso pratiche colturali, di concimazione e cura del territorio, sostenibili e in grado di tramandare questo patrimonio, accogliendo aziende che sviluppano agricoltura biologica o che sottoscrivano impegno per la conversione al biologico.

-Sviluppare turismo sostenibile, con attività/eventi storico –tradizionali (essiccazione nelle casette), trekking naturalistici (tra i tanti, bellissimo il sentiero che porta al santuario della Mentorella), ristorazione di qualità e attività agrituristiche. L’80% delle case di Capranica sono sfitte, molte potrebbero aprire ad attività di bed&breakfast.

-Valorizzare la peculiarità della mosciarella in collaborazione con Università e Enti di Ricerca ed anche attraverso laboratori didattici con il Museo Naturalistico dei Monti Prenestini per avvicinare grandi e piccoli a questa comunità.

-Incentivare la produzione apistica del miele di castagno e l’allevamento e la produzione di formaggi, la farina di castagna, i prodotti da forno prodotti del sottobosco come i funghi).

-Agire in una logica di rete con altre comunità Slow Food presenti sul territorio nazionale e con tutti gli attori.

SEGUI GLI AGGIORNAMENTI SUL CORONAVIRUS METTI MI PIACE

29 Maggio 2020
“Il Sole in classe”, premiata anche una scuola di San Cesareo
29 Maggio 2020
“La Palestrina-Capranica come un circuito”. Il sindaco di Castel San Pietro Romano torna ad alzare la voce

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *