Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

La funzione dei fanali posteriori di un’auto e perché sono importanti

Oggi parleremo di un dettaglio molto semplice, senza il quale è difficile immaginare un’auto moderna. Stiamo parlando delle luci di retromarcia. Da un lato sembra essere chiaro a tutti a cosa servono, ma alcune delle loro funzioni e caratteristiche potrebbero non essere del tutto ovvie. In ogni caso, la guida in qualsiasi momento della giornata deve essere confortevole e sicura. E senza i dettagli di cui sopra, questo non è possibile. Scopriamo insieme perché le luci di retromarcia sono necessarie e perché non bisogna trascurare il loro malfunzionamento. 

Luci di retromarcia: cosa sono?


Innanzitutto, cerchiamo di capire la definizione del concetto: la luce di retromarcia è una luce che segnala agli altri utenti della strada che si sta per fare retromarcia. Viene utilizzato su rimorchi, tram, trattori, camion, automobili e così via. Questo segnale si attiva e si disattiva automaticamente quando la retromarcia viene inserita e disinserita.

A cosa servono le luci di retromarcia?

Innanzitutto, per la stragrande maggioranza dei veicoli, la presenza e il funzionamento di queste luci è un must per la guida su strada. Lo scopo principale di questo dettaglio è quello di illuminare il percorso dietro il veicolo durante la guida notturna o in condizioni meteorologiche avverse (ad esempio, in caso di acquazzone). È necessario per guidare in sicurezza utilizzando la retromarcia. Ad esempio, se si vuole uscire dal parcheggio o in retromarcia e non si vuole andare a sbattere contro il marciapiede. Serve anche ad avvertire le persone intorno a voi che state per muovervi. Dal punto di vista della progettazione, non esistono linee guida chiare. Ogni costruttore di veicoli realizza queste luci a sua discrezione, in base al design complessivo del veicolo. Inoltre, anche la loro posizione può essere diversa: simmetrica e asimmetrica. C’è anche una questione relativa al materiale utilizzato per la produzione di questo tipo di segnale. In realtà, anche in questo caso non ci sono limitazioni particolari. Può trattarsi di xeno, diodi e persino di tungsteno. Inoltre, ci sono casi in cui la funzione dei fari di retromarcia e dei fendinebbia sono combinati in un’unica luce. È abbastanza comune che la luce di retromarcia faccia parte dell’intero gruppo ottico posteriore. Questo sistema di illuminazione comprende: luci di parcheggio, indicatori di direzione, luci dei freni e, appunto, luci di retromarcia. A volte si può notare che il ruolo di queste luci e segnali è svolto dalle luci posteriori convenzionali, ma solo quelle che hanno un’accensione manuale aggiuntiva. Si consideri inoltre che la tecnologia sta progredendo e la retromarcia attraverso il lunotto non è più una necessità, dato che sempre più telecamere posteriori fanno la loro comparsa sulle auto. Ma è proprio per questo che si pone la questione della necessità di illuminare lo spazio che monitorano. Questo è stato il presupposto per l’aggiornamento della luce di retromarcia, la cui potenza di illuminazione doveva essere aumentata fino a raggiungere il livello di un anabbagliante. 

Si può quindi trarre una semplice conclusione: una luce di retromarcia correttamente funzionante e adatta al vostro veicolo è una garanzia per la vostra sicurezza. Inoltre, vi impedirà di scontrarvi con gli ostacoli e segnalerà a tutti coloro che vi circondano che state per fare retromarcia.

https://www.catalogoauto.it/limportanza-del-fanale-posteriore/