Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

La lite e poi la sparatoria: così e’ stato ucciso il povero Alexandru a Pantano

a cura della redazione

È attesa ad ore la svolta che potrebbe portare all’arresto dei responsabili dell’omicidio del 14enne di Pantano Borghese, ucciso alle 3 di notte tra venerdì e sabato nel parcheggio della metro C di Pantano.

Tutto e’ iniziato in un bar sulla Casilina, in zona Borghesiana, dove il 14enne era finito in compagnia del patrigno per l’acquisto di alcuni prodotti.

Uno sguardo di troppo con uno degli avventori e da qui nasce una lite.

Patrigno e 14enne tornano però a casa ma qui l’uomo riceve una telefonata con una precisa richiesta di chiarimento per i fatti accaduti.

Viene fissato un appuntamento nel parcheggio della metro C a Pantano e all’incontro partecipa anche il 14enne.

Da una delle vetture arrivate sul posto partono subito diversi colpi, prima in aria, poi a casaccio. Due centrano Alexandru Ivan al petto e all’addome e lo uccidono, praticamente sul colpo. L’intera scena è stata immortalata dalle telecamere installate che mostrano anche la fuga delle persone presenti, una volta sentiti gli spari. 

“Era un ragazzo bravo, non stava in mezzo alla strada, in mezzo agli spacciatori, in mezzo alla droga. Lui non c’entrava niente con questo”, raccontava ieri lo zio della vittima Ionut.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: