Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

La marcia dei trattori verso Roma

a cura della redazione

 

Una sessantina di trattori, intorno alle 7, sono partiti da Valdichiana, tra il Senese e l’Aretino, con l’intenzione di raggiungere Roma. Tre ore dopo sono entrati nel Lazio, puntando verso Viterbo. “Passeremo dalla strada Cassia. Quindi San Quirico d’Orcia, Porsenna, Viterbo”, ha fatto sapere Andrea Papa, uno degli organizzatori del presidio toscano. Tonino Monfeli, coordinatore del presidio di Orte, all’AGI fa sapere che loro non sono partiti: “Capiremo come muoverci quando la Questura di Roma ci avrà dato le indicazioni. Siamo divisi? Assolutamente no, ho sentito tutti i partecipanti d’Italia, tramite contatti, e sono tutti d’accordo di aspettare le indicazioni della Questura”.

 

 

Danilo Calvani, leader del C.R.A. Agricoltori Traditi, spiega che “questo è un gruppo autonomo, si fermeranno a nord della Nomentana ma non entreranno al centro di Roma, perchè non hanno i permessi. Oggi la questura ci fornirà le indicazioni. Alla polizia ho dato un numero approssimativo di circa duemila mezzi. Quello che ci sta mettendo in difficoltà, come senso di responsabilità, è l’organizzazione della logistica e dell’accoglienza: agricoltori partiranno da Udine e dalla Sicilia, tempo che arriveranno tutti ci vorrà una settimana”. La polizia monitora la situazione per garantire la sicurezza e che tutto si svolga senza disagi ne’ disordini. Sono previsti servizi a Torre in Pietra, Valmontone, Formello e sulla Cassia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: