Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Not Found"]

La Roncoletta di Labico protagonista delle ricette della Startupper School Food

“Acqua cotta del contadino” con Roncoletta di Labico, borragine e grano antico. È questo il piatto vincitore realizzato dall’istituto Gioberti nell’ambito del Programma Startupper School Academy di Lazio Innova. L’antico pisello di Labico, riconosciuto recentemente tra i prodotti di denominazione comune (LEGGI QUI), diventa così il principe di una ricetta ideata da un team di aspiranti chef.

Startupper School Academy è l’iniziativa nata per promuovere l’imprenditorialità e la creatività nelle scuole del Lazio, al fine di accrescere la conoscenza e stimolare la propensione al fare impresa tra gli studenti degli Istituti di Istruzione Secondaria Superiore.

È stato un vero piacere vedere tanti ragazzi impegnati nella valorizzazione di queste antiche materie prime simbolo dei territori di riferimento. La Roncoletta è stato uno dei prodotti più utilizzati nelle ricette e questo da cittadino e amministratore di Labico non può che fare piacere. È un ulteriore riconoscimento al nostro straordinario patrimonio agricolo locale che rappresenta l’identità stessa del nostro paese.

L’assessore Benedetto Paris

Benedetto Paris durante la manifestazione

L’obiettivo di Startupper School Food è affinare e mettere alla prova le conoscenze e le abilità acquisite dai giovani studenti che, opportunamente assistiti e guidati dai produttori delle eccellenze del Lazio e da chef qualificati, parteciperanno ad un percorso di approfondimento e conoscenza delle materie prime e delle tecniche più moderne di preparazione e cottura (Food Reinventing). Al termine, per i più meritevoli, la sfida (Food Challenge) dove la capacità di inventare, creare, combinare e sperimentare sarà un vero, entusiasmante, banco di prova.
Alla manifestazione hanno partecipato gli studenti del III° IV° e V° anno degli Istituti Professionali per i Servizi Alberghieri e Ristorazione del Lazio.

Protagonista lo Spazio Attivo di Bracciano, il primo spazio collaborativo regionale dedicato alla food innovation con la Digital Kitchen Lab, e quello di Zagarolo da poco inaugurato all’interno del palazzo Rospigliosi. Ieri nel borgo dei Monti Prenestini si è svolta la finale che ha visto trionfare le varietà dei prodotti tipici locali come la Roncoletta di Labico e le Sarzefine.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito del progetto Food Innovation HUB, promosso da Lazio Innova e finalizzato alla valorizzazione dell’innovazione nell’ambito delle produzione agroalimentare e della ristorazione regionale. Il progetto verrà realizzato in collaborazione con Agro Camera, l’Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma.

LA RONCOLETTA


I Piselli di Labico, detti anche Roncolette Labicane per la forma particolarmente incurvata, costituiscono una produzione antica e tradizionale. Fin dall’antichità, il pisello richiedeva una coltivazione faticosa: si seminava in piccoli orti sostenendo la pianta con la tecnica dell’infrascatura, ovvero con l’utilizzo di sostegni di legno, cosicché a Labico sorgevano veri e propri piccoli orti-giardino. La produzione della Roncoletta Labicana acquisì grande notorietà nella prima metà del Novecento, tanto che negli anni Trenta quest’area fu oggetto, sotto il regime fascista, di esperimenti per accrescerne la produttività. In quegli anni si sviluppò anche la tradizionale Sagra dei Piselli agli inizi di giugno. Durante la festa veniva fatta una sfilata dei carri, decorati per l’occasione, coinvolgendo tutta la popolazione. In seguito, con il venire meno della tradizione contadina, anche la faticosa coltura della Roncoletta è andata lentamente scomparendo dagli orti labicani. Oggi è in corso un processo di recupero e le sementi del pisello labicano hanno ripreso ad essere coltivate nei campi e negli orti di Labico.
La Roncoletta Labicana, o pisello di Labico, ha un colo- re che varia dal beige al verde chiaro e si contraddistingue per l’alta integrità dopo la cottura. L’elevata intensità olfattiva si caratterizza per le note vegetali. Al gusto si presenta dolce e leggermente salato. Buona consistenza e solubilità.

??RESTA SEMPRE AGGIORNATO: CLICCA MI PIACE ALLA PAGINA MONTI PRENESTINI QUI SOTTO??

1 Aprile 2019
Zagarolo, l’addio del consigliere Luciani: «Vado via per motivazioni di natura politica»
2 Aprile 2019
Giornata per la consapevolezza sull’autismo, convegno dell’Asl. E Valmontone si tinge di blu

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *