Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Labico, conti in ordine. Il sindaco: ora avanti con lo sviluppo

Un Comune che esce fuori da una crisi dei conti è sempre una buona notizia per tutto il territorio. È il caso di Labico, dove l’Amministrazione Giovannoli ha lavorato con costanza al risanamento economico delle casse dell’Ente dopo la pesante eredità del passato. In una nota la Corte dei Conti certifica il disavanzo di gestione, approvando i documenti di bilancio degli uffici preposti. Entro 4 anni il Comune potrà così ripagare il suo debito, programmando nuovi investimenti per il territorio.

“Non sarei mai arrivato a scrivere tutto questo perché credo che un Sindaco debba pensare esclusivamente al presente e al futuro della città che amministra tuttavia, leggendo alcune considerazioni soprattutto sui social, non ho resistito dal fare chiarezza, non a chiacchiere ma con documenti certi – ha scritto il sindaco Danilo Giovannoli sul suo profilo Facebook. È di questi giorni l’arrivo della relazione del massimo organo di controllo in materia economico-finanziaria sugli enti pubblici cioè la Corte dei Conti, con la quale si prende atto degli obbietti intermedi raggiunti dal Comune di Labico nell’esecuzione del piano di riequilibrio pluriennale ed accerta l’insussistenza di motivi ostativi alla prosecuzione dell’attività amministrativa, con le raccomandazioni e con l’avvertenza che le attività poste in essere e le misure adottate continueranno a formare oggetto di costante monitoraggio. Ne deduco, con mia immensa soddisfazione, che il lavoro fatto dalla mia amministrazione in questi ultimi due anni ha contribuito notevolmente a mettere in sicurezza la situazione economico-finanziaria dell’ente. Nella nota della Corte dei Conti si evidenzia che il disavanzo complessivo alla data del 22 dicembre 2014 è pari a 3.944.160,69 euro, cifra inconfutabile.
Sono convinto che c’è molto da fare – ha aggiunto Giovannoli – soprattutto penso ai numerosi interventi che dovremmo affrontare sulla viabilità, sulle strade secondarie e sulle infrastrutture specialmente, così come penso alla grande sfida già intrapresa del superamento della convenzione di Colle Spina ma credo nel nostro temperamento e nella capacità di intercettare finanziamenti dagli enti sovra comunali come la Regione Lazio che ci è vicina in questa difficile sfida. Così come credo nei tanti cittadini che ogni giorno incontro nelle strade e piazze del nostro Comune, che ci spronano ed incentivano ad andare avanti: è per voi che facciamo tutto questo, che togliamo tempo alla nostra vita personale, familiare e professionale per migliorare il paese».