Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Fino a 4mila euro di multa. Ecco cosa rischia chi viola le disposizioni


Insieme al Comandante della Polizia Locale di Labico, dott.ssa Tamara Latini, abbiamo fatto il punto di tutte violazioni penali e amministrative, ad oggi in vigore, in virtù del Decreto Legge n. 19 del 25/3/2020

Con l’espandersi dell’epidemia Covid-19 e con l’aggravarsi dello stato di emergenza in tutta la Penisola, si sono sovrapposti in meno di un mese numerosi atti normativi, provenienti da più organi, con cui sono stati predisposti norme e divieti, la cui violazione è stata accompagnata dapprima da sanzioni di rilievo penale ed ora di natura amministrativa.

Un susseguirsi di prescrizioni, talmente veloce e complesso, che ha generato confusione tra i cittadini. Cosa rischio se esco senza un reale motivo di salute, necessità o di lavoro? Le multe riguardano solo gli spostamenti in auto o anche a piedi? A quanto ammontano le sansioni? Sono soltanto alcune delle domande che molti lettori hanno rivolto in questi giorni alla redazione di Monti Prenestini. Quesiti che a nostra volta abbiamo girato al Comandante della Polizia Locale di Labico, dott.ssa Tamara Latini che ci ha inviato una efficace sintesi delle violazioni penali e amministrative in virtù del Decreto Legge n. 19 del 25/3/2020, e che riportiamo di seguito.


Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del Coronavirus – Covid – 19 sono adottate le seguenti sanzioni:

Art. 4, c. 1° : la sanzione amministrativa sostituisce quella penale di cui all’art. 650 c.p. (dunque non più applicabile);

Art. 4, c. 6° e 7°: la violazione della quarantena da parte di chi è risultato positivo al virus (violazione prevista dall’art. 1, comma 2 lettera e) del medesimo decreto) costituisce reato, ed è punita ai sensi dell’art. 260 R.D. 1265/1934 con l’arresto da 3 mesi a 18 mesi e con l’ammenda da euro 500,00 ad euro 5.000,00, salvo che “il fatto costituisca violazione dell’art. 452 del codice penale o comunque più grave reato”: in poche parole, l’art. 452 c.p. prevede l’epidemia colposa, contestabile se chi è positivo ed in quarantena esce ed entra in contatto con altre persone, cagionando, anche solo per negligenza od imprudenza, la diffusione del virus, punita con la reclusione da uno a cinque anni (da tre a dodici anni se dal fatto deriva la morte di più persone).
In teoria sono ipotizzabili anche i reati di omicidio colposo o lesioni colpose.
Sintesi violazioni amministrative pecuniarie in virtù del Decreto legge n. 19 del 25/3/2020.

Leggi anche  “Rientro a scuola? No grazie”

Art. 4, c. 1° : il mancato rispetto delle misure di contenimento di cui all’art. 1 c. 2°, di carattere nazionale, ovvero dell’ art. 3, di carattere regionale o infraregionale, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria di una somma da € 400 a € 3.000;

PAGAMENTO IN MISURA RIDOTTA
Le violazioni sono accertate ai sensi della legge 24 novembre 1981, n. 689 mentre si applica il decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 (Codice della Strada) in materia di pagamento in misura ridotta, ovvero:

Entro 30 giorni dalla data della contestazione o notificazione della violazione, con riduzione del 30% rispetto all’importo della sanzione pari ad Euro 280,00 (la dilazione del termine di 5 giorni, previsto dall’art. 202 CdS, a 30 giorni è stato introdotto dall’art. 108 del DL 18/2020 e fino al 31 maggio 2020);

Dal 31° al 60° giorno dalla data della contestazione o notificazione della violazione, è ammesso il pagamento in misura ridotta di Euro 400,00;

Se la violazione è commessa mediante l’utilizzo di un veicolo le sanzioni sono aumentate fino a un terzo, da euro 533,33 a euro 4.000,00 anche in tale ipotesi, si applica il pagamento con riduzione del 30%, ovvero:

Entro 30 giorni dalla data della contestazione o notificazione della violazione la sanzione è pari ad Euro 373,34 (fino al 31 maggio 2020);

Dal 31° al 60° giorno dalla data della contestazione o notificazione della violazione, è ammesso il pagamento in misura ridotta di Euro 533,33;
Art. 4, c. 8°: la sanzione amministrativa vale anche per le violazioni commesse anteriormente (dunque anche per queste non è più applicabile l’art. 650 c.p. e se già vi è CNR trasmessa si dovrà archiviare perchè il fatto
non è più previsto come reato); pertanto, ai denunciati per il reato di cui all’art 3 comma 4 DL 6/2020 che richiamava (quoad poenam) l’art 650 c.p., verrà applicato il nuovo illecito amministrativo. Di conseguenza, gli
atti dell’accertamento verranno trasmessi dalla Procura della Repubblica al Prefetto / Commissario del Governo affinchè vengano applicate le sanzioni amministrative, ridotte della metà (quindi sanzione in misura fissa
di Euro 200,00);

Leggi anche  Vaccino per over 80, ecco come prenotare

IMPORTO RADDOPPIATO PER REITERAZIONE In caso di accertata reiterazione l’importo della violazione raddoppia;
La competenza ad irrogare le sanzioni amminisstrative, comprese quelle accessorie (e quindi a ricevere il rapporto in caso di mancato pagamento in misura ridotta per adottare l’ordinanza ingiunzione di pagamento) appartiene:


– al Prefetto per le violazioni di disposizioni dettate dal DPCM;

– al Presidente della Regione o al Sindaco per le misure di cui all’art. 3, di carattere regionale o infraregionale, nell’ambito della propria competenza;
Sintesi violazioni amministrative pecuniarie in virtù del Decreto legge n. 19 del 25/3/2020 previste per pubblici esercizi, attività produttive o commerciali.

MANCATO RISPETTO NORME ESERCIZI PUBBLICI E COMMERCIALI
Nei casi di mancato rispetto delle misure previste per pubblici esercizi o attività produttive o commerciali, si applica in aggiunta alle sanzioni pecuniarie sopra indicate, la sanzione amministrativa accessoria della chiusura dell’esercizio o dell’attività da 5 a 30 giorni;
All’atto dell’accertamento delle violazioni, l’autorità procedente può disporre la chiusura provvisoria dell’attività o dell’esercizio per una durata non superiore a 5 giorni;
In caso di reiterata violazione la sanzione amministrativa è raddoppiata e quella accessoria è applicata nella misura massima.


  • Vaccino per over 80, ecco come prenotare
    Da lunedì aperte le procedure: ecco tutte le info Da lunedì 25 gennaio gli over 80 anni potranno prenotare il proprio vaccino anti Covid sul sito www.SaluteLazio.it (PrenotaVaccinoCovid) basta solo il codice fiscale. Si potrà scegliere uno dei 100 punti di somministrazione diffusi sul territorio regionale, con la prima fascia oraria disponibile ed in automatico con la prima prenotazione del vaccino si prenota anche la seconda, sempre nel medesimo punto di somministrazione. Le prenotazioni potranno esser fatte per il periodo […]
  • Palestrina, Gabriele Galdi è il nuovo sindaco dei ragazzi e delle ragazze
    Il nuovo Consiglio in carica per i prossimi due anni Venerdì 15 Gennaio presso il Teatro Cinema Principe di Palestrina si è tenuta la prima seduta del Consiglio Comunale dei ragazzi con la proclamazione del nuovo Sindaco. Il nuovo Consiglio, in carica per i prossimi due anni, sarà guidato dal Sindaco Gabriele Galdi e dal Vicesindaco Chiara Forelli che, assieme ai nuovi consiglieri, continueranno sulle orme del precedente, a portare avanti i progetti e svilupparne di nuovi. A tutti gli […]
  • “Rientro a scuola? No grazie”
    Il ritorno in presenza non piace a studenti e insegnanti delle Superiori. Diverse classi degli istituti di Zagarolo e Palestrina decidono di scioperare. Ecco chi sono e il motivo della loro protesta pacifica
  • Sant’Antonio, tradizione rispettata con la sola neve a fare da cornice alla festa
    A Palestrina una festa senza le tradizionali sfilate. Le associazioni ricordano il rito Un ‘edizione insolita, senza i consueti raduni di associazioni e amici, le sfilate di cavalli, animali e trattori, i pranzi e le cene conviviali: solo la neve ha fatto da cornice a una delle feste più sentite nel territorio dei Monti Prenestini. Alla presenza del sindaco della città di Palestrina, Mario Moretti si è svolto il tradizionale rito dello scambio della bandiera e dei fiocchi con la […]
  • Rientro a scuola? “No grazie”. Scioperi ai Monti Prenestini
    Da Zagarolo a Palestrina gli studenti protestano contro le decisioni di Governo e Regione. “Non vogliamo pagare per le vostre scelte sbagliate” Domani è confermato l’inizio delle lezioni negli istituti superiori del Lazio. Alla vigilia di questo atteso rientro, in diverse scuole del territorio si annunziano scioperi e manifestazioni contro le politiche del Governo. Di seguito trasmettiamo una lettera firmata dai rappresentanti degli studenti dell’Istituto Eliano Luzzatti di Palestrina. Tra notizie ufficiali e ufficiose, tra smentite e rinvii, l’inizio delle […]
17 Aprile 2020
Test sierologici, al via indagine Antitrus a Roma e provincia
17 Aprile 2020
Coronavirus, due nuovi casi a Roiate

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *