Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

L’autocertificazione resta anche nella fase 2


Rabbia sui social per i provvedimenti “mancati”

“Comprendo che i moduli sono stati modificati ma e’ chiaro che nel momento in cui il regime degli spostamenti rimane limitato e’ difficile che si possa evitare il criterio dell’autocertificazione. Fino a quando ci saranno delle ragioni che devono giustificare lo spostamento si conservera’ il regime dell’autocertificazione“. Così il premier, Giuseppe Conte, in conferenza stampa. Dunque anche nello stesso comune bisognerà munirsi di autocertificazione.

Qualcuno la giudica come una fase a metà: spostamenti ridotti, aperture rinviate al 18 maggio e stagione turistica a rischio. Emerge un sentimento di rabbia alla lettura del provvedimento del Governo.

IL CHIARIMENTO DEL MINISTRO

“Il decreto domani sara’ disponibile a tutti, un decreto che entra in vigore tra una settimana, il 4 maggio.
L’autocertificazione resta (non cambia nulla), quello che cambia e’ che tutta l’industria tornera’ a lavoro”. Lo ha detto il ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia, nel suo intervento a ‘Non e’ la D’Urso’. “A chi chiede spiegazioni sullo spostamento – ha aggiunto – dico che bisognera’ dimostrare che ci si sta spostando per lavoro, dal 4 al 18 maggio e’ una fase di graduale e lenta ripartenza”.

Viene aggiunta la motivazione della visita ai parenti ma “saranno visite mirate fatte con rispetto delle distanze, con adozione di mascherine e divieto di assembramento”.

Tra le motivazioni di lavoro, necessita’ e motivi di salute, aggiungiamo la possibilita’ di spostamenti mirati per far visita ai congiunti. Anche per gli spostamenti tra le Regioni restano i medesimi motivi, consentiamo il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza”, ha aggiunto il Presidente spiegando che fino a quando ci saranno delle motivazioni agli spostamenti resteranno anche le autocertificazioni. “Sin qui era possibile svolgere una attivita’ motoria e sportiva nei pressi delle abitazioni, ora ci si potra’ allontanare ma rispettando la distanza di due metri.

Il premier Conte

SEGUI GLI AGGIORNAMENTI SUL CORONAVIRUS METTI MI PIACE