Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Olevano Romano celebra l’olio, tra saperi e sapori


Dal 29 novembre all’1 dicembre si celebra uno dei prodotti tipici della campagna romana. Tra degustazioni convegni e musica dal vivo

Convegni scientifici, degustazioni, mostre di pittura, concorsi e visite guidate. A Olevano Romano cresce l’attesa per la prima edizione di “Olio – Saperi e Sapori”, la prima festa dedicata a uno dei prodotti di eccellenza della campagna romana. Una rassegna multidisciplinare, che si pone l’obiettivo di promuovere la produzione e l’identità rurale del territorio. L’idea è dell’associazione commercianti di Olevano Romano in collaborazione con l’Associazione Assolivol, la cooperativa agricola Olibanum, l’associazione San Giuseppe Artigiano e l’associazione Laboratorio Comune Alta Valle del Sacco.

La manifestazione si aprirà venerdì 29 novembre presso l’aula magna del Liceo Scientifico e Linguistico Renato Cartesio con la conferenza “Extravergine”, un manuale per conoscere l’olio di oliva. Coordinerà i lavori Piero Neri, parteciperanno anche gli alunni di secondo liceo e la professoressa Gigliola Staulo.

Sabato alle 10,30 inaugura la manifestazione con l’apertura degli stand e il mercatino dei prodotti agricoli e l’artigianato locale. Sarà possibile fare dei test dell’olio, ci sarà un’esposizione di mezzi agricoli e una mostra di pittura. Nel pomeriggio a partire dalle 16 presso l’aula consigliare del Comune di Olevano ci sarà in programma un convegno e laboratorio di accostamento alla degustazione e all’analisi sensoriale dell’olio. Interverranno Massimo Sebastiani, presidente Assolivol, Daniele Rocchi, rappresentante della cooperativa agricola Olibanum, Umberto Quaresima, sindaco di Olevano Romano, Antonio Rosati, presidente dell’Arsial, Tiziano Cinti, direttore tecnico del gal Terre di Pre.Gio., Massimo Baldacci, vice presidente e tecnico Assolivol, Eleonora Quattrociocchi, capo Panel, Alberto Ciolli, tecnico Assolivol e Maria Rita Lupatelli, specialista in nutrizione clinica. In occasione dell’evento l‟associazione ASSOLIVOL consegnerà un attestato di partecipazione a tutti i partecipanti (purché l‟olio sia risultato EVO) e sarà decretato un vincitore con una targa di riconoscimento per il: MIGLIOR olio extravergine d‟oliva “Fruttato intenso” MIGLIOR olio extravergine d‟oliva “Fruttato medio” MIGLIOR olio extravergine d‟oliva “Fruttato leggero”. In serata musica dal vivo, stand gastronomici, bruschette e prodotti tipici accompagnaranno i visitatori fino a tarda sera.

Domenica si replica ancora dalla mattina. Da non perdere a pranzo come a cena i menu tipici che proporranno i vari ristoranti nell’affascinate borgo, dove il protagonista assoluto sarà l’olio locale. Per gli appassionati e addetti al lavoro, da non perdere alle 11 in aula consigliare il convegno “Gli olivi di Puglia al tempo della xilella”. Interverrà il professor Enrico Milazzo, autore del libro “Gli olivi di Puglia al tempo della xilema”.

Carabinieri a cavallo, motociclisti e gruppi musicali sparsi nei vari angoli del borgo faranno da cornice alla festa nel pomeriggio, che si chiuderà con degustazioni e l’estrazione della riffa.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: