Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Open day a maturandi e Pfizer a chi ha 12-15 anni: le novità a scuola


Tra una settimana le prime prenotazioni. Si pensa già alle riaperture

 L’anno scolastico non e’ ancora finito ma si comincia gia’ a pensare alla riapertura delle scuole a settembre. Perche’, questa volta, l’obiettivo e’ quello di far tornare tutti gli studenti in presenza, scongiurando continui ricorsi alla didattica a distanza. In questa direzione va la decisione del governo di iniziare a vaccinare i ragazzi piu’ giovani e sembrerebbe non mancare molto. E’ atteso per il 28 maggio il via libera dell’Ema alla vaccinazione con Pfizer della fascia di eta’ tra 12 e 15 anni. L’annuncio e’ stato fatto oggi dal ministro della Salute, Roberto Speranza, nel corso di una interrogazione alla Camera dei deputati. “Il nostro auspicio e le informazioni che abbiamo – ha detto – ci portano a ritenere che il 28 di maggio Ema possa dare il via libera al vaccino Pfizer anche per la fascia 12-15 anni, sarebbe un fatto molto importante che ci consentirebbe di allargare la campagna.

CLICCA SUL LINK

E ci sono studi in corso anche per eta’ ancora piu’ giovani”. Si andrebbe cosi’ ad allargare la platea di immunizzati proprio tra coloro che a settembre dovranno tornare sui banchi di scuola. Il presidente dell’Associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli, ha spiegato che “i ragazzi, durante questo anno scolastico, hanno pagato un prezzo molto elevato in termini di socialita’ e la vaccinazione ci aiutera’ a rendere il rientro a scuola del prossimo settembre duraturo oltre che sicuro. Sono d’accordo – ha ribadito – con il ministro Speranza e auspico che, dopo la decisione dell’Ema, i mesi estivi vengano utilizzati per vaccinare gli studenti dai 12 anni in su.
L’informazione preventiva di studenti e famiglie aiutera’ a rendere questo passaggio piu’ consapevole e sereno”. 

 Lo stesso ministro ha osservato come “la vaccinazione per i piu’ giovani sia altamente strategica ed essenziale soprattutto alla ripresa della scuola. Siamo al lavoro – ha spiegato – con il commissario Figliuolo per adeguare il piano dopo l’ok dell’Ema per costruire anche una comunicazione che renda consapevoli le persone”. Il rientro a scuola in sicurezza a settembre dovrebbe essere garantito anche grazie ai 500 milioni che, per il momento, sono stati previsti nel dl Sostegni bis. La vaccinazione a partire dai 12 anni rappresenta, inoltre, un altro importante tassello per la campagna vaccinale che va ad aggiungersi alla decisione, per il momento della regione Lazio, di immunizzare entro il 16 giugno gli studenti che dovranno sostenere l’esame di maturita’. Le prenotazioni, fa sapere l’assessore alla Sanita’ della regione Lazio, Alessio D’Amato, partiranno giovedi’ 27 maggio. Mentre i cosiddetti “maturandi days” si svolgeranno martedi’ 1, mercoledi’ 2 e giovedi’ 3 giugno in tutte le sedi vaccinali che somministrano il vaccino Pfizer. Un piano vaccinale diverso, ma che riguarda sempre le fasce piu’ giovani, lo sta adottando la regione Lombardia che, a partire dal 2 giugno, consentira’ le prenotazioni alla fascia d’eta’ tra i 16 e i 19 anni, nella quale rientrano quindi anche i maturandi. Nei giorni scorsi la richiesta di un esame di maturita’ in sicurezza in tutta Italia e’ arrivata anche dai principali sindacati del comparto scolastico. “L’esame di stato, sebbene non preveda le prove scritte, rappresenta comunque – ha detto la Flc Cgil – il rischio di possibili cluster, pertanto, chiederemo la diffusione della vaccinazione per questa fascia di studenti in tutte le Regioni: e’ fondamentale garantire pari diritti in tutto il Paese”.