Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Ospedale di Palestrina, nuova holding per le emergenze. I sindacati: “Ci sono criticità”

a cura della redazione

Lo scorso 29 dicembre la direzione generale dell’Asl Roma 5 ha disposto l’apertura di area multidisciplinare per la gestione dell’iper afflusso nell’area dell’emergenza.

Una disposizione che non è piaciuta ai sindacati che in una nota stampa hanno segnalato c“he l’applicazione della disposizione presso il PO di Palestrina, ha provocato delle importanti criticità gestionali. Infatti la holding area in questione è stata aperta sui posti letto di ortopedia – spiegano le Rsu – e quindi come tali riconosciuti sul sistema Sis4Care (modulo informatico che gestisce tutti gli eventi clinici ospedalieri relativi ai pazienti quali, accettazione, richieste di consulenze, esami ematici, radiologici etc) sul quale si accede con credenziali personali che consentono l’accesso solo all’unità operativa di appartenenza dell’operatore che le possiede. 

Pertanto non essendo stata attuata la trasformazione sulla piattaforma dei letti riconosciuti come appartenenti alla unità operativa di ortopedia, in letti di area medica, medici e infermieri non hanno potuto procedere all’accettazione dei pazienti (che prevede l’assegnazione di un posto letto), ne tantomeno procedere alla richiesta di esami ematochimici e/o radiologici, criticità che ha comportato un’interruzione del percorso clinico del paziente che risultava di fatto ricoverato dal PS presso la medicina generale dove invece non risulta accettato.

Ci preme segnalare tutto questo affinchè, essendo la disposizione di cui sopra, anche di interesse dei PO di Tivoli e di Colleferro non si incorra in questa spiacevole disorganizzazione che non poche difficoltà ha creato al personale sanitario interessato”.