Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Palestrina, c’erano una volta i platani

a cura della redazione

Una popolazione dimezzata in poco meno di due anni e non parliamo di quella umana sempre più in crescita nel territorio prenestino. A Palestrina i platani stanno quasi scomparendo. Con l’arrivo della primavera sono tornati in questi giorni le potature e gli abbattimenti.

Gli alberi da tagliate o curare vengono contrassegnati con una X e in questi giorni in via Prenestina, nell’omonima località alberata vicino il centro commerciale, sembra di vedere un cimitero.

L’anno scorso i lavori suscitarono le proteste di commercianti, pendolari e ambientalisti per le modalità di gestione dei lavori. Quest’anno in silenzio e in punta di piedi decine di platani stanno lasciando spazio a marciapiedi, aiuole e al sole che è tornato a riaffacciarsi.

Gli agronomi della Città Metropolitana parlano in generale di morte degli alberi. Viene citato anche quel cancro colorato che altrove, specie nel nord Italia, sta devastando interi viali alberati.

Qualcuno se la prende con la mancata manutenzione, altri con le potature “killer” degli anni precedenti. Il risultato è un vero e proprio cambio del paesaggio a cui i residenti loro malgrado dovranno abituarsi.