Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

title-image

Blog

Palestrina, da oggi l’ospedale torna a una “nuova normalità”. I lavori e la fasi di riapertura

Il covid non è stato sconfitto ma (forse) la pandemia non è più un’emergenza “critica”. Dopo 24 mesi di lotta al coronavirus passata attraverso 3 riconversioni da oggi l’ospedale dei Monti Prenestini torna a una “nuova normalità”.

È il frutto del nuovo provvedimento della Regione Lazio con il quale si elimina di fatto la distinzione tra ospedali covid e no-covid. 

Così il coronavirus entra nella gestione “ordinaria”: a esso verranno dedicati reparti multidisciplinari dedicati, che a Palestrina nello specifico accoglierà 24 pazienti.

Aprirà al secondo piano del Coniugi Bernardini e in questi giorni si stanno completando gli ultimi trasferimenti. 

A Palestrina

Tornano così i percorsi separati e i nuovi protocolli per mettere in totale sicurezza tutti i malati.

La vera novità però riguarda la riattivazione dei reparti di medicina interna (al primo piano), chirurgia e ortopedia (terzo piano). Resta per ora inattivo il reparto di Ginecologia e Pediatria, fiore all’occhiello dell’ospedale prenestino, dove sono in corso dei lavori di ammodernamento.

È il chiaro segnale di una volontà di potenziamento del nosocomio prenestino, che ha già messo a bando l’assunzione di due direttori UOC (primari) per la Pediatria e la Chirurgia.

Si attende dunque l’arrivo del nuovo personale (entro il prossimo autunno) per la riapertura completa.

 

I lavori
A Colle Martino

È la nuova normalità dell’ospedale dei Monti Prenestini, In questi anni la sanità è stata rivoluzionata: sono cambiati le cure, l’organizzazione e persino i malati.

È da qui che oggi si ricomincia.

È una notizia importante per il nostro territorio e per i cittadini – spiega il presidente della commissione Sanità Rodolfo Lena. In questi mesi l’Ospedale ha svolto in prima linea un compito di assistenza e presa in carico delle persone che hanno contratto il covid e per questo motivo voglio portare i miei ringraziamenti a tutto il personale sanitario. Adesso la struttura sarà riconvertita e potrà tornare ad essere interamente operativa per il nostro territorio.