Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Palestrina, il “viaggio” per le cure ortopediche: disagi in ospedale


Ripartono il pronto soccorso e i servizi infantili, ma il post emergenza covid continua a essere un problema

Ora non si tratta più di una “criticità momentanea”, ma di un disservizio che dura da troppo tempo. Il post emergenza Covid all’ospedale di Palestrina è diventato un problema. Almeno per alcuni servizi. Sotto la lente ora è finito il reparto di Ortopedia, privo da ormai da quattro mesi dei 4 posti letto originari, della sala gessi e dei medici specialisti.

Il problema – aveva dichiarato qualche giorno fa il direttore generale a Monti Prenestini – sta nella difficoltà di reperire ortopedici a livello regionale”.

La realtà, a oggi, è che chi ha bisogno di visite e cure deve rivolgersi all’ospedale di Colleferro affrontando una vera e propria “gimcana”, tra attesa dell’ambulanza e code infinite in sala d’aspetto.

Dopo l’emergenza covid sono riparti il pronto soccorso e i servizi infantili, sono arrivati nuovi infermieri (+21), Oss (+10), ostetriche (+5) e medici (+3), ma alcuni servizi stentano ancora a ripartire.

Sul caso hanno preso posizione i sindacati della Cgil, che in una nota stampa riportano i numeri impietosi del post covid nell’Asl Roma 5.

“Un anno di attesa per una mammografia; diciotto mesi per una ecografia; oltre un anno di attesa per un’operazione alla cataratta; non esiste un servizio per i diversamente abili adulti; assenza di Risonanza magnetica; tre mesi di attesa per un elettrocardiogramma e una visita cardiologica”.

Gli unici che hanno trovato sviluppo di prestazioni e guadagni sono le strutture di diagnostica e specialistica ambulatoriale privata – dichiara la Cgil – che sostituiscono sempre di più quelle delle strutture pubbliche. Le liste di attesa si allungano sempre di più, non si fa programmazione, non ci si confronta con il sindacato come previsto con la commissione congiunta Azienda -Sindacato previsto da disposizione regionale, mai riunita. La CGIL chiede l’abbattimento dei tempi di attesa per le visite specialistiche e gli interventi, l’ampliamento degli orari dei servizi e degli ambulatori, l’utilizzo funzionale di tutti gli apparecchi diagnostici per l’utenza, un programma di assistenza sanitaria nel nostro territorio domiciliare per gli anziani e i diversamente abili e l’adozione di un piano organizzativo di rilancio ed ampliamento dell’assistenza sanitaria nel nostro territorio e normali e corrette relazioni sindacali”.

SEGUI MONTI PRENESTINI BASTA METTERE MI PIACE

21 Luglio 2020
Riapre l’ufficio postale di Carchitti
22 Luglio 2020
Parcheggi, commercio e ascensori: così rinascerà il centro storico di Genazzano

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *