Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Palestrina, riaprono cimiteri e parchi (ma non quelli “gioco”). E ritorna la sosta a pagamento


Dai supermercati alle aree pubbliche: cosa cambia in città da lunedì

Da lunedì Palestrina tornerà lentamente alla sua normalità A cominciare dalle attività produttive nell’area Più, dove i capannoni torneranno quasi tutti a riaprire i battenti dopo oltre un mese di lockdown. I supermercati della città torneranno all’orario di prima, fino alle 20 di sera, ma con le regole dell’emergenza sanitaria: si entra solo con guanti e mascherine.

Ma le vere novità riguarderanno parchi e cimiteri che torneranno a riaprire i cancelli.

L’accesso ai parchi pubblici e ai cimiteri sarà condizionato al rigoroso divieto di ogni forma di assembramento di persone e al rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

Saranno consentite le cerimonie funebri con l’esclusiva partecipazione dei congiunti e, comunque, fino ad un massimo di quindici persone, con funzione da svolgersi preferibilmente all’aperto, indossando protezioni delle vie respiratorie e rispettando rigorosamente la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. Dal giorno 4 maggio ha disposto però la chiusura cautelativa delle aree attrezzate per il gioco dei bambini, presenti sul territorio comunale, fino al termine dell’emergenza epidemiologica da Covid19, al fine di tutelare e salvaguardare la salute pubblica.

Altra nota dolente, per gli automobilisti, è il ritorno della sosta a pagamento. Rigettata la proposta dell’opposizione, così l’Amministrazione comunale ha motivato la decisione sui social.

Con l’inizio della FASE 2 dell’emergenza, l’Amministrazione ha ritenuto meno pregnanti le cause di forza maggiore che hanno portato alla sospensione del pagamento. Ulteriori proroghe decise in vigenza di un contratto di concessione del servizio a terzi, si paleserebbero come una modificazione unilaterale dei termini contrattuali ed esporrebbero l’Amministrazione Comunale ad azioni di rivalsa da parte del gestore. 

SEGUI GLI AGGIORNAMENTI SUL CORONAVIRUS METTI MI PIACE