Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

PALESTRINA SOLIDALE: ORA VINCIAMO INSIEME, IN CORSIA!

La recente decisione da parte della Direzione Strategica della ASL Roma 5 e dell‘ Assessorato alla Salute della Regione Lazio di convertire il Presidio Ospedaliero di Palestrina in Covid hospital, ha scosso l’opinione pubblica tutta: dai soggetti istituzionali ai singoli cittadini.
Molti hanno avuto perplessità e forti preoccupazioni (poi affievolite) sul rischio per il territorio di divenire una Zona Rossa, sulla gestione dei trasferimenti dei degenti negli altri ospedali della rete, sulla fattibilità tecnico-strutturale tale da poter garantire la sicurezza dei malati Covid e del personale sanitario impegnato, sulla disponibilità dei dispositivi di protezione individuale per medici e infermieri, sulla formazione degli stessi ed il timore di non avere un punto di Pronto Soccorso vicino, con la conseguenza di dover essere dirottati verso altri presidi. E infine quell’interrogativo sul destino del nostro Ospedale territoriale una volta terminata questa fase emergenziale.

Dubbi e domande che non sono stati placati dalle rassicurazioni, seppur preventive e messe per iscritto, da parte degli organi che hanno scelto – sulla base di criteri tecnici – questa vitale conversione.

Tant’è che negli ultimi giorni sui social è partita un’accesa disputa virtuale tra cittadini con opinioni e visioni differenti.
È stato necessario, per quietare gli animi, prima un appello congiunti da parte dei Sindaci del territorio contro gli <allarmismi> avanzati con <parole avventate, impetuose, risentite> e l’invito invece <all’unione e alla responsabilità>; e poi una riunione di vertice tra gli organi istituzionali coinvolti e gli esperti per ribadire quelle garanzie (già comunque anticipate) necessarie per procedere urgentemente e in sicurezza alla conversione temporanea dell’Ospedale in struttura Spoke e al successivo ritorno ad ospedale della rete sanitaria regionale, una volta terminata l’emergenza, rafforzato qualitativamente e quantitativamente del personale sopraggiunto.

Smorzate le polemiche, rincuorati i cittadini ora si pensa a come sostenere l’emergenza.
Si pensa a medici ed infermieri in prima linea nel nostro ospedale. Come poterli aiutare?
<< Siamo quelli per cui l’unione fa la forza, sempre. Oggi ancora di più. Ecco perché abbiamo sentito la necessità di promuovere per primi un’iniziativa solidale estesa, coinvolgendo tutte le associazioni del nostro territorio. >> leggiamo in un comunicato diramato oggi dalla Pro Loco di Palestrina, promotrice dell’iniziativa #Vinciamo in Corsia. Lo scopo è quello di sostenere gli operatori dell’Ospedale di Palestrina attraverso una raccolta fondi utile a reperire DPI, ma anche farmaci e beni di prima necessità per chi è in difficoltà. Ognuno, con la propria disponibilità, può contribuire con una donazione a favore della Croce Rossa Italiana – Comitato Locale Monti Prenestini (responsabile operativo della raccolta e della gestione del ricavato).

Molte le associazioni che hanno risposto presente e si stanno muovendo sulla linea della solidarietà condividendo e prendendo parte alla causa. È questa la vera forza della rete e soprattutto quella di fare rete tra le realtà del territorio. È questo il momento di fare qualcosa di concreto insieme, per chi ne ha davvero bisogno.

Scopri di più sulla pagina FB Vinciamo in Corsia – Palestrina.

Dona quello che puoi, fallo ora su questo link. https://www.gofundme.com/f/vinciamo-in-corsia-ospedale-di-palestrina?utm_source=customer&utm_medium=copy_link-

Gli organizzatori:
– Martina Lombardi
– Angela Cardarelli
– Maria Giovanna Costantini
– Alessandro Lombardi
– Antonio Stazi
– Pasquale Ricolli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: