Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Palestrina, via le tende della Croce Rossa. “I nostri 67 giorni nel cuore dell’emergenza”


Da oggi i volontari dei Monti Prenestini tornano alla loro normale attività. Ecco il loro bilancio

67 giorni, 268 turni e 1608 ore di assistenza. Sono i numeri del Punto Medico di primo soccorso dell’ospedale Coniugi Bernardini gestito dalla croce Rossa, che da oggi dopo la parentesi dell’emergenza Covid 19 torna alla sua normale attività. I volontari oggi hanno smontato le tende installate dal 25 marzo nel piazzale antistante il nosocomio prenestino, dove oltre settecento cittadini sono entrati in questi due mesi per farsi assistere dalla squadra di medici specializzati.

I primi dati parlano di un decesso e decine di vite umane salvate. Gli accertamenti più comuni hanno riguardato traumi da incidenti, che hanno avuto un incremento esponenziale in questo periodo di lockdown. Ma il Punto Medico di Assistenza si è rivelato utile anche per le patologie tempodipendenti, come infarto e ictus: una ventina le ospedalizzazioni per queste problematiche operate dalla Croce Rossa dei Monti Prenestini.

“È stata un’esperienza molto impegnativa – commenta il presidente della Croce Rossa dei Monti Prenestini, Marco Febbo. Da oggi torniamo a svolgere la nostra attività di routine sul territorio. Sono stati 67 giorni difficili. Abbiamo dovuto subito adeguarci all’emergenza con quello che avevamo a disposizione. Ringrazio tutti – aggiunge Febbo – per la straordinaria solidarietà e il lavoro messo in campo a servizio della comunità. Un’esperienza che ci ha aiutato a crescere sotto tutti i punti di vista. Abbiamo imparato a gestire un’emergenza e domani saremo più pronti se dovesse tornare una nuova ondata epidemica”

SEGUI GLI AGGIORNAMENTI METTI MI PIACE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: