Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Parla Lorella Federici: “Io cacciata senza motivo. Avanti a testa alta”

a cura della redazione

 

Una decisione arrivata repentinamente, senza alcun preavviso e in assenza di qualsiasi confronto politico. Così l’ex assessore Lorella Federici commenta la sua “cacciata” dalla giunta alla vigilia del Natale. Una decisione che ha lasciato tutti sorpresi, anche all’interno della stessa maggioranza che ora dovrà riscrivere un nuovo percorso.

Per quanto mi riguarda – si legge nella lettera – affermo a voce alta, e con la schiena dritta, che il mio impegno come Assessore al Personale, Politiche Scolastiche, Politiche Giovanili, Politiche Sociali e Pari Opportunità, è stato quotidiano e continuo.

Ho sempre cercato di essere presente; laddove c’erano problemi ho profuso sforzo ed impegno nel  risolverli.

Ho avuto orecchie attente e sensibili nell’ascolto della cittadinanza, quindi, con responsabilità, sono stata presente allorquando venivo invitata a qualsivoglia manifestazione nell’esclusivo spirito di rappresentare, al meglio e con onore, la Città di Palestrina e  l’Amministrazione comunale.

Mai ho difettato nell’indietreggiare rispetto alle indicazioni fornitemi dalla maggioranza e dell’Amministrazione tutta: spirito di condivisione e di collegialità sono state le stelle polari.

Francamente, lo dico con coscienza, non ho nulla da rimproverarmi: ho donato all’impegno in Amministrazione tempo e competenza, nella serietà e nel rispetto verso tutti.

Spero che, questo mio sforzo, almeno questo, mi venga riconosciuto dalla mia  comunità.

Non è nelle mie abitudini, né nella mia cultura, mollare tutto e tutti: continuerò ad essere propositiva, dunque riferimento di tante persone, di tante famiglie e di tutti coloro che credono che la politica sia fare cose concrete per le persone.

Sarò sempre presente.

Ora, però, torno al mio lavoro.

È tempo che il Sindaco, moralmente e politicamente, argomenti le ragioni della scelta adoperata.

Essa appare inattesa  e sorprendente; ragioni per le quali, a breve, si attende un diveroso chiarimento politico, plurale e trasparente con il mio gruppo d’appartenenza.

Lo deve ai cittadini di Palestrina, alla sottoscritta e alla compagine politica alla quale sono legata (parte integrante e determinate della maggioranza).

Avanti insieme!!