Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Poli, la storia di Mario stasera su Chi l’ha visto. Si cerca sull’Aniene

Dopo una breve pausa, continuano le ricerche senza sosta del signor Mario Paolucci, l’anziano di 83 anni scomparso lo scorso 30 ottobre da Poli nei Monti Prenestini in circostanze ancora poco chiarite.

Stasera la trasmissione Chi l’ha visto, come confermato anche dalla famiglia, tratterà il caso. Intanto stamane la task force istituita dalla prefettura è entrata nuovamente in azione nella zona di Roma Est dove l’anziano potrebbe essere capitato dopo aver preso il bus Cotral da Poli. Il signor Paolucci si era allontanato da casa intorno alle 15:20 del 30 ottobre scorso e aveva preso il pullman che da Poli fa capolinea a Ponte Mammolo. Tutto confermato dalle immagini delle telecamere dell’autobus.

Dagli stessi fotogrammi si nota l’anziano signore leggere un foglietto.

Che cos’era c’era scritto su quell’appunto? Stando agli esperti, le immagini delle telecamere della metropolitana sarebbero state di fondamentale aiuto, ma risulterebbero perse definitivamente.

L’azione di pattugliamento sarà condotta con lo stesso dispiegamento di forze della volta scorsa: volontari della Protezione Civile, con le unità cinofile e il drone, militari dell’esercito, carabinieri ed esperti dell’Associazione Penelope.

Le ricerche, in questo caso, si concentreranno sulla sponda opposta dell’Aniene, lungo tutto l’argine, fino a Casal de’ Pazzi. Saranno perlustrate tutte le aree cosiddette “tecniche” (cabine elettriche, ponti, fabbricati di servizio, casupole di senza tetto) e tutti quei rifugi in cui l’anziano signore avrebbe potuto ripararsi. 

In questa tragica vicenda, la circostanza grave è il fatto che non sono più disponibili i filmati delle telecamere di servizio poste lungo le altre stazioni della metropolitana, nonostante i ripetuti e quotidiani solleciti del Comandante della Stazione della locale stazione dei Carabinieri.

Di queste lungaggini burocratiche, omissioni o negligenze, l’Associazione Penelope presentarà un rapporto circostanziato al Prefetto per le valutazioni e le misure del caso.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: