Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Poli, una task force per trovare Mario. Ecco l’esito delle ricerche


Dal 30 novembre non si hanno più notizie dell’83enne scomparso dai Monti Prenestini in circostanze ancora non chiarite

Da oggi è entrata in azione la task force della prefettura di Roma formata da uomini delle forze dell’ordine con l’aiuto delle unità cinofile, volontari della protezione civile e dell’associazione Penelope: obiettivo trovare il signor Mario Paolucci, scomparso da Poli lo scorso 30 novembre in circostanze ancora non chiarite.

È stata battuta tutta la zona di Ponte Mammolo, Casal de’ Pazzi, Vigne Nuove, le rive dell’Aniene, si è cercato persino sotto i binari della metro: ma nessuno sembra averlo visto.

Io non so più che pensare. I giorni passano e noi non abbiamo notizie. Secondo me si è sbagliato, ha preso un altro autobus e chissà dove e’ arrivato. La mia paura è che non si trovi più.

La figlia

Gli esperti considerano positivo che, da questa prima ampia opera di pattugliamento, non siano emerse novità eclatanti. Non sono state rinvenute tracce, spiegano, che possano far pensare a soluzioni definitive.

Tuttavia, sono state raccolte informazioni, degne di essere approfondite, e sono emerse circostanze utili per il prosieguo delle ricerche e delle indagini. Elementi che sono al vaglio degli esperti.

La cosa che lascia, però, senza parole è il fatto che, dopo quasi due settimane, non siano ancora disponibili le immagini delle telecamere di servizio poste lungo le altre stazioni della metropolitana.
Lungaggini burocratiche, omissioni o negligenze, che sono state denunciate al Prefetto dall’Associazione Penelope

Già a luglio l’anziano 83enne aveva fatto perdere le tracce prendendo un autobus Cotral in direzione Ponte Mammolo. L’uomo soffre di disturbi di memoria, in quell’occasione perse l’orientamento ritrovandosi a Casal de’ Pazzi, dove grazie all’aiuto di un gruppo di ragazzi era riuscito a tornare di nuovo a casa.

La famiglia ora teme che Mario abbia percorso lo stesso tragitto, ma questa volta, complice il buio e il maltempo, si sarebbe diretto in una direzione sconosciuta, forse in campagna. Sono solo supposizioni che non poggiano per ora su alcuna prova reale. I carabinieri hanno accolto la denuncia e si sono attivati sia a Roma che in provincia per le sue ricerche. Si attende il via libera della procura per la visione di tutti i filmati delle telecamere tra Poli e Roma. Il caso è stato denunciato anche alla rete delle associazioni Penelope per gli scomparsi e alla trasmissione Chi l’ha visto. Per ora Mario sembra essere scomparso nel buio.

??CONTINUA A RIMANERE INFORMATO: METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA??

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: