Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Polisportiva Borghesiana (volley, Prima divisione femm.), Loreti: “Possiamo fare un bel campionato”

Roma – Due vittorie che fanno ben sperare. La Prima divisione femminile del settore pallavolo della Polisportiva Borghesiana ha cominciato il campionato col piede giusto. Le ragazze di coach Stefano Loreti (direttore tecnico del settore femminile e allenatore pure di uno dei tre gruppi Under 14) hanno battuto prima Alatri in casa (3-1) e poi il Volley Club Frascati in trasferta (3-0). “Un buon inizio di stagione, ma il gruppo ha qualità di livello e deve ancora esprimere il massimo potenziale – dice il tecnico della squadra capitolina – Alleno da quest’anno queste ragazze: l’organico è formato dallo zoccolo duro dello scorso anno ed ha una base “under 20”, a parte due venticinquenni che già erano presenti. Inoltre ci sono stati tre innesti giovani da Zagarolo e pure due ragazze provenienti dalla nostra Under 18. L’obiettivo è di fare un campionato medio-alto, comunque alla fine del girone d’andata faremo una prima valutazione e vedremo se sarà il caso di puntellare l’organico. Al mio fianco lavora come vice Lorenzo Lucà che è anche allenatore di un gruppo Under 13 e di un’Under 16: si tratta di un ragazzo che ha tantissimo entusiasmo e passione, siamo felici di vedere crescere tecnici giovani esattamente come siamo contenti di vedere migliorare le nostre ragazze”. Tra le note positive delle prime due partite c’è indubbiamente l’entusiasmo che si nota attorno al gruppo della Prima divisione femminile della Polisportiva Borghesiana: “Abbiamo avuto un buon seguito e questo ci ha fatto sicuramente piacere. Anche i ragazzi del settore maschile sono stati presenti e questa è un’ottima fotografia del clima che si vive all’interno della nostra società”. Nel prossimo turno (domenica al pallone “Brasili” alle ore 17) c’è l’incrocio con Zagarolo: “Ho lavorato in quella società tempo fa e conosco bene queste ragazze che all’epoca erano tra Under 13 e Under 14. E’ un gruppo giovane e tecnicamente valido. Il pericolo è l’entusiasmo che si possono portare dietro questo tipo di squadre. Noi dobbiamo riuscire a tenere sotto controllo la gara e non dobbiamo assolutamente sottovalutare la sfida” conclude Loreti.