Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Protestano per freddo e affollamento e vengono colpiti dal crollo di un intonaco

a cura della redazione

 

Mentre stavano protestando per il sovraffollamento della loro scuola e il malfunzionamento dei termosifoni, un pezzo di intonaco si stacca dall’edificio e cade in testa a due dei giovani che stava manifestando.

È il paradosso accaduto questa mattina davanti all’Istituto Pertini, sede ITE di Albano Laziale, in provincia di Roma. “La situazione in cui studenti e studentesse si trovano ad andare a lezione è inaccettabile- scrivono oggi i giovani della Rete Studenti Medi dei Castelli nel post in cui denunciano l’accaduto- Non solo soffrono il problema del sovraffollamento degli istituti e sono costretti a spostarsi in una scuola che non è la loro, non solo trovano al rientro dalle vacanze natalizie una temperatura sotto i 10 gradi nelle aule, nonostante le segnalazioni fatte, ma mentre protestano per questo, la struttura scolastica si dimostra non sicura”.

“È la seconda volta in poco tempo che vediamo dei piccoli crolli all’interno delle scuole della Regione- continuano- dopo il Picasso di Pomezia, che fortunatamente non ha colpito nessuno, ora il Pertini di Albano Laziale che colpisce due ragazzi senza ferirli, anche qua per fortuna. Quanto dobbiamo aspettare prima che ci si renda conto che servono degli investimenti strutturali in edilizia scolastica?”, si chiedono i giovani della Rete. “Pretendiamo che le scuole in cui ci rechiamo ogni giorno siano sicure e agibili- concludono- Basta freddo nelle aule, basta muri che crollano”.