Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Riprendiamoci la ferrovia, cresce a San Cesareo il sogno di realizzare una pista ciclabile fino a Roma

a cura della redazione

Un tempo – circa 40 anni fa – esisteva il trenino Roma – Fiuggi.

Un percorso di 78 km e 23 stazioni, che seguiva per un lungo tratto la Via Casilina passando per Cave, Zagarolo, Palestrina, Colonna, San Cesareo.

Oggi quella linea non c’è più, la sede ferroviaria è quasi totalmente scomparsa, inglobata da erbe infestanti e rovi.

Ormai ci siamo abituati a vederla così, ci sembra quasi normale.

Eppure quel tracciato è da sempre al centro dei progetti dell’Amministrazione di San Cesareo e del vicesindaco Stefano Sabatucci che hanno rilanciato in questi giorni l’idea di una ciclo-pedonale che unisca il centro con le periferie della città.

Perché questo sogni si realizzi servono soldi, tanti, ma ancor di più serve la determinazione di realizzarlo tutti insieme.

In questi giorni l’ufficio tecnico del Comune ha dato il via ai lavori con un’opera di diserbo meccanico che non si era mai vista prima.

Sabato 1 giugno parte così l’iniziativa “Riprendiamoci la ferrovia”.

Dalle ore 9 verrà ripulita l’ex sede ferroviaria Roma-Fiuggi, dal centro alla Vetrice.