Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Rocca di Cave, l’emergenza Covid in un piccolo paese. Tra romani “in fuga” e abitudini “stravolte”


Il Covid 19 in un paese di 380 anime. Il sindaco ci spiega come è cambiata la vita del borgo

L’emergenza Coronavirus esiste anche nei piccoli paesi di montagna, a dimostrazione che non contano il numero degli abitanti e l’isolamento geografico. È il caso di Rocca di Cave, paese di 380 anime, dove il sindaco e avvocato Gabriella Federici, con l’aiuto dei volontari e dei dipendenti pubblici, sta affrontando in prima persona quella che è considerata la più grande crisi dell’epoca moderna.

Un’emergenza sociale ed economica che ha colpito tutti, giovani e anziani, relegati in casa senza la scuola, i giochi e le proprie abitudini quotidiane. Qui, nella piccola rocca, custode di ricchezze archeologiche e fossili millenari, si sente forse più di ogni altro luogo lo stravolgimento del ritmo temporale: oggi c’è solo la campana della chiesa a ricordare a tutti lo scorrere delle ore. Non si sentono più le voci dei bambini nei vicoli panoramici del centro storico e non ci sono più gli anziani nei bar a giocare a carte o discutere di calcio. Anche qui sono state chiuse le attività, i parchi, il meraviglioso planetario e il museo, che tante persone portava dalla Capitale ogni weekend.

Sono stati vietati gli eventi pubblici, incluse messe e funerali, che erano motivo di incontro per la piccola comunità. In questi giorni due anziani sono deceduti a Rocca di Cave, non si sono celebrati riti funebri e non c’è stato nemmeno il tradizionale saluto a casa per le famiglie.

È la regola dell’isolamento.

Qualche abitazione si è ripopolata di romani in fuga dalla città, che hanno scelto un luogo tranquillo e isolato per trascorrere questo periodo.

“Il pericolo c’è per tutti – chiarisce la sindaca Federici a Monti Prenestini. Neanche Rocca di Cave è immune dal Coronavirus. Non abbiamo casi positivi e non ci risultano neanche persone in isolamento, ma questo non ci dà il diritto a non rispettare le regole. Noi amministratori stiamo fronteggiando tutto con il supporto dei Carabinieri, dei dipendenti comunali e dei tanti volontari che ringrazio per il sostegno. Rocca di Cave – aggiunge il sindaco – ha un territorio molto vasto che si estende fino a Cave, non è facile controllare tutto e dare le risposte adeguate a tutti. Stiamo cercando di sostenere come nostra abitudine le persone sole e in difficoltà, dalle richieste più semplici a quelle più complesse. È un momento di difficoltà in cui sta venendo fuori il nostro forte senso di comunità e appartenenza. Colgo l’occasione per abbracciare tutti i miei concittadini. A loro – aggiunge – voglio dire di resistere ancora, come abbiamo fatto in passato in altre situazioni drammatiche, poi sono sicura che ci ritroveremo tutti a fare festa, più forti di prima”.

16 Marzo 2020
Mascherine “swiffer” anche all’ospedale di Palestrina. Ma dalla Regione qualcosa si muove
16 Marzo 2020
San Cesareo, in tre “a spasso” con un camion pieno di rifiuti: scattano denunce “pesanti”

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *