Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Rvm Palestrina (calcio, Prima cat.), il bomber Krasniqi: “Il titolo di capocannoniere? Sarebbe bello”

Palestrina (Rm) – Un’altra vittoria per la Prima categoria della Rvm Palestrina. I ragazzi del presidente Daniele Imola hanno sbancato anche il campo del Signia per 3-1 e continuano a rimanere imbattuti. Non poteva mancare la solita firma di Egzon Krasniqi, attaccante classe 1997 di origine kosovara che con la doppietta di ieri ha segnato la bellezza di 33 reti in campionato. “E’ la stessa quota della scorsa stagione, quando segnai 29 gol in campionato e 4 in Coppa Lazio – dice la punta – Una volta centrato l’obiettivo di squadra, è chiaro che ci tengo anche al titolo di capocannoniere che ho già conquistato l’anno scorso per il mio girone, ma che quest’anno potrebbe riguardare tutti i raggruppamenti della Prima categoria laziale. I compagni lo sanno e mi stanno dando una grossa mano, non posso che ringraziarli”. Krasniqi fa un piccolo approfondimento sulla gara di Segni: “Nel primo tempo siamo riusciti ad andare in vantaggio con il mio gol, poi in avvio di ripresa i padroni di casa, che ci tenevano a fare bella figura, hanno pareggiato i conti. Ma, nonostante mentalmente non siamo al meglio visto che abbiamo vinto il campionato da qualche settimana e siamo pure un po’ in emergenza, la squadra non ha mai mollato ed è rimasta tranquilla. Così è arrivato il nuovo vantaggio con D’Ambrosio e poi sono andato a segno per il 3-1 definitivo”. Nel prossimo turno c’è il match casalingo con la Vis Casilina e poi la chiusura sul campo della Semprevisa. “Tutti sanno che vogliamo chiudere da imbattuti questo campionato e stanno cercando di farci lo sgambetto. Ma cercheremo di conquistare anche questo obiettivo. A inizio campionato non ci davano per favoriti, anzi in qualche caso nemmeno ci nominavano tra le possibili protagoniste. Invece la società ha allestito un gruppo fantastico e noi ci siamo divertiti tanto”. Come non riconoscere i meriti del ds Dino Giudici e del mister Stefano De Matteis: “Sono stati fondamentali. Col mister c’è un rapporto speciale, so quello che vuole e come la pensa calcisticamente. È un continuo stimolo per il gruppo, questa è la sua forza”. Finito il campionato sarà tempo di pensare al futuro: “Non nascondo che stanno arrivando già delle chiamate, ma ne parlerò con la società a fine stagione. L’anno scorso ho vinto la Coppa Lazio a San Cesareo e quest’anno il campionato qui, mi piacerebbe misurarmi in Promozione”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: