Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

San Cesareo, l’antica via Labicana rivive con lo spettacolo “Amore e psiche”

a cura della redazione

 

Per la prima volta sull’Antica Via Labicana, nel Comune San Cesareo, si terrà uno spettacolo teatrale site-specific interamente pensato per questo luogo di rilevanza storica.

 

Mercoledì 27 settembre alle ore 19.00 (con ingresso libero), questa importante arteria dell’Antica Roma, rivivrà grazie ad “Amore e Psiche” da Apuleio, riscritta e diretta per l’occasione da Aurora Miriam Scala con l’aiuto regia di Maria Chiara Pellitteri, che saranno entrambe in scena insieme ad Andrea Maiorca.

 

A San Cesareo

Questa iniziativa, fortemente voluta dalla sindaca Alessandra Sabelli e dalla consigliera delega alla cultura, Emanuela Fondi, è frutto di una collaborazione con la Bottega del Pane Young e di una precisa volontà dell’amministrazione comunale di valorizzare un bene storico attraverso il teatro.

 

La regista e attrice Aurora Miriam Scala, presenta così il suo spettacolo: “Mettiamo in scena uno dei Miti più antichi della storia della letteratura, che diventa l’archetipo di favole come ad esempio Cenerentola. Una fabula trasversale, che parla agli adulti come ai bambini, che ha varie chiavi di lettura e vari livelli di comprensione. Nella storia originale di Apuleio si vuole sottolineare come Psiche sia troppo curiosa. Con la mia regia, invece, cerco di valorizzare la curiosità come un valore aggiunto, una caratteristica che le permette di scoprire nuove cose di sé e di chi le sta accanto. Mettiamo in scena una favola sulla forza dell’amore e sul coraggio di una giovane donna di superare ogni pericolo ogni limite per ottenere il bene più prezioso, che è l’amore”.

 

“Ci auguriamo di poter continuare e rafforzare questo percorso culturale intrapreso con il Comune di San Cesareo, che mira alla valorizzazione di questi beni archeologici, legandoli con la messa in scena di spettacoli teatrali legati al Mito”, conclude la regista.