Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

San Cesareo, scabbia nella scuola materna

Caso di scabbia in una scuola di San Cesareo. La notizia, diffusasi nel corso della giornata di ieri fra i genitori dei piccoli alunni dell’asilo, è stata confermata dalla dirigente scolastica del plesso interessato, la materna di Colle del Noce. Proprio la preside, la professoressa Claudia Lupi, ha poi scritto una nota ai genitori nella quale ha descritto la situazione e rassicurato tutti sul fatto che la situazione fosse sotto controllo. 
Gentili genitori – si legge nella nota della dirigente scolastica Lupi – nel plesso Colle del Noce è stato registrato un caso di scabbia subito segnalato. Il bambino è a casa a seguire la cura. La scabbia è un’infezione contagiosa della pelle causata da un parassita molto piccolo che si annida sotto la pelle provocando intenso prurito. Si cura con farmaci specifici che vanno somministrati a tutte le persone con cui la persona malata è entrata in contatto per evitare ulteriori contagi“.
Una lunga note nella quale la preside della scuola spiega ancora: “Il contagio avviene in genere per contatto diretto e prolungato, pelle contro pelle; ma anche che l’acaro della scabbia si annida tra lenzuola, biancheria, coperte e asciugamani, che dunque vanno sottoposti a lavaggio caldo nelle comuni lavatrici domestiche. Il personale ausiliario della scuola – ha continuato la dirigente scolastica – intensificherà le normali pulizie che garantiscono l’igiene ambientale“. 
Si evidenzia che le probabilità di contagio sono molto basse; ma, non potendo tuttavia escludere con certezza il rischio, si invitano i genitori a controllare i propri figli, ponendo particolare attenzione alla comparsa di sintomi quali prurito e lesioni cutanee. Nel caso compaiano tali sintomi, si consiglia di accompagnare il proprio figlio dal medico curante o dal dermatologo per una visita di controllo. La situazione continuerà ad essere attentamente e scrupolosamente monitorata, informando immediatamente voi genitori di ulteriori sviluppi”.