Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Santa Barbara, tradizioni ed emozioni nella festa a Colleferro

a cura della redazione

 

Con la tradizionale processione si è aperta ieri 3 dicembre la festa di Santa Barbara, patrona della nostra città, che dopo due anni di pandemia riprende le classiche celebrazioni. 

Il corteo è partito dal tempietto dedicato alla Santa, per giungere a Piazza Italia dove lo attendeva lo spettacolo pirotecnico e la messa solenne nella chiesa a lei dedicata.

Alla cerimonia erano presenti molti sindaci dei comuni limitrofi, la Città Metropolitana di Roma, la Regione Lazio, le forze dell’ordine, i parroci e gli amministratori comunali che accompagnavano il sindaco.

Le celebrazioni sono proseguite questa mattina 4 dicembre con la deposizione di una corona presso il monumento dedicato ai caduti del 1938 e presso il sacrario, dove il sindaco Sanna ha annunciato l’acquisizione dell’ex Centro direzionale BPD da parte del comune, acquisizione che sarà ufficializzata questa sera con la firma dell’atto notarile.

A seguire si è svolta la visita istituzionale all’interno degli stabilimenti di Avio presso il così detto Cippo, sempre dedicato alle vittime dello scoppio.

Nel corso della visita il gruppo ha avuto l’opportunità di visitare le famose pagode, che venivano utilizzate per la lavorazione degli esplosivi, e guidati dalla Dott.ssa Francesca Lillo hanno seguito con attenzione il racconto di come avveniva la produzione nei primi anni del secolo scorso: quest’anno ricorrono i 110 anni dalla fondazione della fabbrica.

Alle celebrazioni della mattina erano presenti i rappresentanti di Avio, delle forze dell’ordine e dell’amministrazione comunale.

La cerimonia si è conclusa con la messa solenne presso la chiesa di Santa Barbara, celebrata dal Vescovo Stefano Russo e con il tradizionale saluto ai Vigili del Fuoco.