Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Scomparso da Poli, avvistato a Roma: una speranza per il ritrovamento di Mario


L’anziano si era diretto a Roma lo scorso novembre facendo perdere le sue tracce

Mario Paolucci sarebbe stato avvistato intorno alle ore 15:00 di venerdì 14 febbraio, giorno di San Valentino, a Roma nei pressi della Stazione Tiburtina.

A rivelarlo l’Associazione Penelope che, sin dagli esordi di questa complessa vicenda, ha seguito passo passo il caso.

“Il sig. Paolucci   – confermano gli esperti di Penelope – era da solo e camminava incerto, curvo, faceva piccoli passi e poi si fermava. Portava un berettino con visiera e un paio di pantaloni beige. Gli stessi abiti che indossava il giorno della scomparsa.”

Da subito sono stati effettuati dei sopralluoghi, è stata allertata la Polfer della stazione e  sono state richieste le immagini delle telecamere.

Il Maresciallo Maggiore Antonino Riccardi, Comandante della Stazione dei Carabinieri di Poli, effettuerà un’ulteriore “battuta a terra” per scandagliare i meandri della Tiburtina, che ospitano comunità di senza casa, vagabondi, senza fissa dimora ecc.

Del sig. Paolucci non si hanno notizie certe da più di tre mesi e mezzo quando, intorno alle 15 del 30 ottobre scorso, si era allontanato da Poli prendendo il pullman che da Piazzale Orziere fa capolinea a Ponte Mammolo. Nelle intenzioni dell’anziano signore, secondo le ricostruzioni degli esperti e degli inquirenti, per raggiungere Roma, dove vive l’altra figlia.

Ma dalla signora Laura non è mai arrivato.