Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Solidarietà in Guinea Bissau, il viaggio dei sindaci di Zagarolo e Colonna


Un progetto per la cura delle popolazioni fragili colpite

Mancano davvero pochi giorni alla partenza della delegazione della Comunità Montana che tornerà in Guinea Bissau al fine di verificare e monitorare il funzionamento del sistema dei dispensari. Dal 19 al 26 novembre il Presidente Danilo Sordi, il Segretario Generale Dott.Rodolfo Salvatori e i Sindaci di Zagarolo e Colonna Lorenzo Piazzai e Fausto Giuliani saranno dunque impegnati nella cittadina di Farim, una delle zone più povere dell’Africa. Nell’ultima missione svoltasi nel 2013, era stato portato a termine il progetto – iniziato nel 2006 – con l’inaugurazione degli ultimi 2 dispensari farmaceutici nell’area della cittadina di Farim (regione OIO).

“Alinli” è il nome del progetto di cooperazione allo sviluppo internazionale, svolto in partenariato con la Congregazione missionaria degli Oblati di Maria Immacolata, insieme ai tredici comuni della Comunità Montana, al Comi ong e con il finanziamento della Regione Lazio e della Provincia di Roma, grazie al quale sono stati realizzati in tutto tredici dispensari farmaceutici nei villaggi di Farim. Oltre ai dispensari completi di strutture e medicinali necessari al funzionamento, è stato formato il personale, scelto direttamente dai villaggi, addetto alla gestione amministrativa e sanitaria delle strutture stesse. Ad oggi la rete dei dispensari è gestita da un missionario Omi infermiere.

“C’è grande entusiasmo per l’imminente partenza – spiega Danilo Sordi– e in generale da quando è stato riattivato un progetto da sempre condiviso con tutti i sindaci partner dell’iniziativa. Gli amministratori infatti da sempre sensibili al tema hanno manifestato la loro disponibilità a mantenere saldi i rapporti con il personale impegnato a Farim, affinché si potesse monitorare l’andamento del progetto. Per questo motivo – continua il Presidente Sordi – abbiamo deciso di organizzare una nuova missione di verifica direttamente sul posto con la partecipazione di una rappresentanza istituzionale del territorio”.