Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Strage in una riunione di condominio: la ricostruzione della follia di oggi a Roma

a cura della redazione

 

Tre persone morte e quattro ferite, due delle quali in gravi condizioni e trasportate in ospedale in codice rosso al Gemelli, al Sant’Andrea e all’Umberto I. È il bilancio, ancora provvisorio, di una sparatoria avvenuta questa mattina a Roma, nel quartiere di Fidene. Le vittime, tutte donne, sono state raggiunte da colpi di pistola durante una riunione condominiale, organizzata in un bar di via Monte Giberto. 

Le vittime sarebbero la segretaria del consorzio, una revisora contabile e una terza donna. La presidente sarebbe rimasta ferita, la vicepresidente incolume. 

La situazione dei feriti

“A seguito della sparatoria avvenuta in via Monte Giberto questa mattina a Roma il bilancio è di quattro feriti: uno trasportato al Policlinico Gemelli (uomo 67 anni ferito al volto), una al Policlinico Umberto I (donna 80 anni ferita al torace) e una al Policlinico Sant’Andrea (donna di 50 anni ferita al cranio), più un malore di un uomo di 65 anni presente all’evento che è stato portato in stato di shock all’ospedale Pertini. I feriti sono stati tutti trattati: quella più grave è la donna ricoverata al Sant’Andrea in gravissime condizioni e in prognosi riservata. E’ stata sottoposta ad intervento chirurgico ed ora è in rianimazione. In serata mi recherò personalmente al Policlinico Umberto I a visitare l’anziana donna”. Lo dichiara l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, in una nota.

La ricostruzione

L’omicida, che risulta essere incensurato e che utilizzava l’arma da fuoco per il tiro a segno a Rieti, è stato poi bloccato da altri condomini e arrestato dai carabinieri.

Secondo le ultime ricostruzioni l’omicida, Claudio Campiti, 57 anni, sarebbe entrato sotto un grosso dehor del bar ‘Il Posto Giusto’, prestato ai componenti di un consorzio riuniti per una riunione di condominio, urlando “vi ammazzo tutti”. Poi avrebbe sparato più colpi uccidendo tre persone e ferendo le altre.

“Gravissimo l’episodio di violenza che sconvolge la nostra città. Tre vite spezzate e feriti gravi per una sparatoria durante una riunione di condominio. Sono in contatto con il Prefetto e domani parteciperò al Comitato per l’ordine e la sicurezza. La mia vicinanza alle famiglie”. Così, sul proprio profilo Twitter, il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri