Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Street food, a Palestrina arriva per la prima volta il pinsotto: una “rivoluzione” in centro


Il meglio della gastronomia locale e romana in un unico prodotto da gustare “passeggiando”

È una “scarpetta” da passeggio, ma la sua funzione  non ha nulla a che fare con le calzature. Il suo nome deriva dalla celebre “pinsa”, ma a una prima pronuncia potrebbe ricordare anche una “pinza” con cui afferrare il meglio dei sapori fatti in casa. Nasce da queste suggestioni e alchimie “Il pinsotto”, il rivoluzionario prodotto street food pronto a debuttare a Palestrina in un locale tutto nuovo.

APRE UNTI E PANONTI A PALESTRINA

Il Pinsotto è pronto ad aprire all’interno di Unti e Panonti, il primo locale street food della movida prenestina. Sorgerà in pieno centro, in via Anicia 2, a due passi (nel senso letterale del termine) dalla centralissima piazza Regina Margherita. L’inaugurazione è prevista per il prossimo 4 dicembre, ma in città tra giovani e curiosi è già salita la febbre da pinsotto: c’è subito voglia di conoscere da vicino questo straordinario prodotto. 

Il pinsotto è un angolo di pinsa bianca, a forma di triangolo in grado di accogliere al suo interno tutto il meglio della gastronomia locale e romana. Una “bomba” di street food morbida e flagrante dove abbandonarsi ai sapori della cucina casalinga. È informale, veloce, economico e si compone di due elementi principi dell’enogastronomia romana: cucina casereccia e pinsa.

L’idea è di tre amici, Dany, Ferdy e Flo, che hanno voluto riprodurre in un impasto innovativo la “vecchia scarpetta” della cucina di casa, quella che si faceva una volta alle spalle della nonna, magari in attesa del pranzo domenicale. Quel rito oggi si trasforma in uno street food e arriva per la prima volta a Palestrina per sorprendere tutti.

C’è una sola regola per realizzare il pinsotto: l’alta qualità delle sue materie prime. Gli impasti sono preparati da “L’angolo del buon gusto di Zagarolo”, le farciture provengono invece direttamente dalla cucina dello chef Stefano Bartolucci di Rosso di Vino: due eccellenze per un risultato garantito. Monti Prenestini ha avuto il piacere (e ci siamo contenuti) di assaggiare le prime prove di questo “triangolo dei sapori” pronto a sbarcare in provincia di Roma. 

Al banco si può scegliere tra polpette al sugo, baccalà, seppie con piselli, coniglio e pollo alla cacciatora, misticanza/cicoria, peperonata, parmigiana, tordi matti, porchetta e affettati vari, trippa al sugo, coda alla vaccinara e carciofi alla romana. E basta. Anzi no: lo chef assicurerà per i clienti sempre nuove sorprese da accompagnare a una birra o a un buon bicchier di vino.

Per passeggiare in piazza a Palestrina da dicembre c’è l’imbarazzo della scelta, ma per i più “pantofolai” c’è sempre l’opzione take away con consegna a casa. Dove gustare finalmente in pace e senza paura di essere sgridati dalla nonna la propria “scarpetta” preferita.

26 Novembre 2019
Grave incidente tra San Cesareo e Valmontone: traffico in tilt
26 Novembre 2019
Poli e i Monti Prenestini, il miglior luogo dove vivere? Il territorio al centro di una ricerca scientifica

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *