Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Tenta il suicidio tagliandosi la gola: uno dei tanti drammi romani


L’episodio davanti alla Caritas, il segnale di un malessere

Tenta il suicidio conficcandosi un temperino metallico nel collo ma viene salvato da una pattuglia della Polizia di Stato di passaggio nella zona. E’ accaduto a Roma, in via delle Sette Sale.
Gli agenti del commissariato Esquilino, diretto da Stefania D’Andrea, durante il normale servizio di controllo del territorio, arrivati all’altezza della Caritas hanno visto un volontario della struttura che cercava di richiamare la loro attenzione indicando una persona che si era infilato un temperino all’altezza della gola e che stava perdendo molto sangue.

Immediatamente i poliziotti si sono avvicinati all’uomo, un 45enne romeno senza fissa dimora che, pallido in volto e sul punto di svenire, ripeteva di voler morire. Gli agenti hanno subito richiesto l’intervento di personale del 118 ma, vista la gravita’ della situazione e la momentanea mancanza di un dottore, con le dovute cautele hanno soccorso l’aspirante suicida estraendogli dal collo il temperino e tamponando la ferita sino all’arrivo dei sanitari. Il 45enne e’ stato quindi trasportato in ospedale dove e’ stato medicato.

SEGUI GLI AGGIORNAMENTI SUL CORONAVIRUS METTI MI PIACE