Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Torna l’ora legale: cosa cambia

a cura della redazione

 

Torna l’ora legale, segno che l’estate non è poi così lontana. Nella notte tra sabato 25 e domenica 26 marzo, infatti, le lancette di tutti gli orologi andranno spostate in avanti, dalle 2 alle 3. Smartphone e altri apparecchi tecnologici cambieranno automaticamente l’orario (tablet, computer, smartwatch), mentre bisognerà farlo automaticamente sugli orologi da polso, su quelli a parete e su diversi elettrodomestici (forno, microonde, etc.). L’ora legale resterà fino al 29 ottobre 2023 quando farà il suo ritorno l’ora solare. 

a San Cesareo

L’ora legale 2023

Il passaggio dall’ora solare a quella legale porterà un’ora di luce in più di sera, permettendo di consumare meno corrente elettrica. Le giornate saranno all’apparenza più lunghe con il buio che arriverà più tardi. In compenso, almeno nei primi giorni, dovremo abituarci a dormire un po’ di meno. Domenica 26 marzo sarà per tutti il giorno più traumatico, con un’ora in meno di sonno ma, in realtà, alcuni disturbi potrebbero presentarsi anche nei giorni successivi.

Il cambio dell’ora, infatti, può causare stanchezza, irritabilità, disturbi del sonno e stress. Il tutto solitamente svanisce nel giro di pochi giorni, con i vantaggi che l’orario estivo porta con sé.

Ogni cambio di orario, dovuto al passaggio dall’ora solare a quella legale (e viceversa) ma anche ad altre ragioni, può in realtà influenzare la qualità del sonno, con disturbi sulla concentrazione durante la giornata, senza dimenticare gli effetti sulla pressione arteriosa e sulla frequenza cardiaca. A risentirne, spesso, è anche il nostro umore con disturbi soprattutto in senso depressivo, ma ovviamente dipende da caso a caso. Per adattarsi meglio al cambio, gli esperti consigliano di anticipare gradualmente, ad esempio di un quarto d’ora, gli orari dei pasti e il momento di andare a letto. Un altro suggerimento è quello di passare più tempo all’aria aperta, per far abituare il corpo al nuovo orario. Anche l’attività fisica può essere d’aiuto per risincronizzare il nostro orologio interiore.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: