Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Tregua finita, arrivano le piogge a Roma e provincia

a cura della redazione

 

La prima vera perturbazione dell’anno colpirà l’Italia tra domenica e lunedì. Una boccata d’ossigeno per tutti, un ricambio d’aria necessario. A dirlo sono gli esperti di 3bMeteo: “A Roma domani nubi sparse alternate a schiarite con tendenza a graduale aumento della nuvolosità  fino a cieli coperti con deboli piogge in serata, sono previsti 4mm di pioggia. Durante la giornata di domani la temperatura massima registrata sarà di 16°C, la minima di 11°C, lo zero termico si attesterà a 1916m. I venti saranno al mattino moderati e proverranno da Sud-Sudest, al pomeriggio tesi e proverranno da Sud”.

Pioggia attesa in parte anche per lunedì. In termini più generali, si prevedono “infiltrazioni umide raggiungono la Regione determinando molte nubi sin dal mattino, foriere di debole piogge in serata. – spiegano da 3bMeteo – Nello specifico sui litorali settentrionali nubi sparse alternate a timide schiarite con tendenza a graduale aumento della nuvolosità fino a cieli molto nuvolosi con piogge e rovesci, anche a carattere temporalesco dalla serata; sui litorali meridionali cieli molto nuvolosi o coperti con deboli piogge per l’intera giornata; sulle pianure settentrionali cieli molto nuvolosi o coperti con deboli piogge, in intensificazione dalla sera con rovesci anche a carattere temporalesco; sulla capitale nubi sparse alternate a timide schiarite con tendenza a graduale aumento della nuvolosità fino a cieli molto nuvolosi con deboli piogge dalla serata; sulle pianure meridionali cieli molto nuvolosi o coperti, con fenomeni in serata, anche a carattere di rovescio o temporale; sulle subappenninche cieli molto nuvolosi al mattino con deboli piogge, in temporaneo assorbimento nel pomeriggio.

Piogge e rovesci anche temporaleschi in serata; sull’Appennino giornata grigia con cieli molto nuvolosi o coperti e deboli piogge serali. Venti deboli dai quadranti sud-orientali in attenuazione e in rotazione a meridionali; Zero termico nell’intorno di 2200 metri”.