Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Un nuovo piano dei trasporti per i Monti Prenestini: le emergenze e il futuro del territorio

Un consorzio che sembrava “dormiente” è rinato grazie al sostegno dei sindaci, della Regione Lazio e di un nuovo cda pronto a lanciare un piano di intervento sul territorio. Stiamo parlando del Tpl, il Trasporto pubblico locale dei Monti Prenestini, nato nel 2006 e ricostituito tre anni fa grazie a un provvedimento della Regione Lazio.

La novità più importante da aprile dello scorso anno riguarda l’attivazione del servizio di trasporto per i piccoli comuni sotto i 10mila abitanti, finora sprovvisti del servizio. Castel San Pietro Romano, Capranica Prenestina, Poli, Gallicano, Olevano Romano, Pisoniano, San Vito Romano, Bellegra sono i primi territori dell’area Prenestina, per citarne alcuni, che hanno beneficiato dell’azione sinergica del consorzio. Il risultato è un’offerta capillare su tutto il comprensorio mai prima realizzata.

«La sperimentazione ha funzionato – dichiara il presidente Lorenzo Pompili a Monti Prenestini. Ora abbiamo affidato l’incarico per un nuovo piano dei trasporti sul territorio per ottimizzare il servizio e garantire un trasporto migliore anche nei prossimi anni».

IL NUOVO PIANO DEI TRASPORTI

Per ora si naviga a vista, il futuro è sempre legato alla disponibilità dei fondi della Regione. Nel medio termine si conta di affidare le prossime gare entro la fine dell’anno. Un ingegnere della Regione Lazio e un tecnico nominato dal consorzio prenestino sono a lavoro da alcune settimane per la realizzazione del nuovo piano dei trasporti. Sarà un piano che terrà conto delle singole specificità, ma in armonia con il comprensorio di riferimento. Si terrà conto dei punti di interesse, come località turistiche ma anche istituzioni come scuole, biblioteche, stazioni, Comuni e forze dell’ordine.

LE EMERGENZE DEL MOMENTO

Nel corso dell’ultima riunione a Zagarolo, è stato posto all’ordine del giorno l’emergenza estiva in vista della chiusura delle stazioni di Zagarolo e Valmontone, porte di accesso ai Monti Prenestini.

«Non nascondo di essere molto preoccupato per questo annuncio – ha dichiarato il sindaco di Zagarolo Lorenzo Piazzai a Monti Prenestini. È sicuramente un macigno enorme che grava anzitutto sulla ricettività e il turismo locale, ma è anche un enorme disagio per tutti i pendolari dell’area. C’è un confronto in corso con tutti i sindaci dell’area e le istituzioni coinvolte. Rfi – aggiunge Piazzai – ha proposto alcuni servizi integrativi. Personalmente non sono molto convinto, pertanto abbiamo chiesto al consorzio tpl di fare da interlocutore al tavolo istituito presso la Rfi. La mia proposta è quella di garantire collegamenti aggiuntivi con la stazione metro Pantano Borghese e con Roma e mi auguro che venga presa in considerazione».

Sono diverse le attività turistiche, b&b, hotel e ristoranti che hanno chiesto una maggiore attenzione verso il territorio in un momento così delicato come agosto, dove l’incoming turistico raggiunge il suo picco. I lavori saranno realizzati sulla tratta fra Ciampino e Colleferro, sulla linea Fl6 Roma-Cassino per la prima fase dell’upgrade prestazionale della linea che consentira’ il transito dei nuovi treni merci High Cube sull’itinerario Scadinavia-Mediterraneo via Cassino e per il Sud Italia.

Saranno aumentate le dimensioni delle Gallerie Colonna, Olmata e Docciarello, rinnovati otto chilometri di binari fra Valmontone e Colleferro, adeguati alcuni cavalcavia ed eseguiti inoltre lavori di mitigazione del rischio idrogeologico. Ai lavori di tipo civile si accompagneranno attivita’ di rinnovo dei binari e di potenziamento degli apparati tecnologici. Le maestranze coinvolte saranno circa 300 per un investimento complessivo di Rete Ferroviaria Italiana di circa 14 milioni di euro. La circolazione ferroviaria sara’ sospesa da Ciampino a Colleferro e fra le due localita’ la mobilita’ sara’ garantita con autobus sostitutivi. La pianificazione dei lavori ha consentito di inserire direttamente in orario i dettagli dei servizi sostitutivi che l’impresa ferroviaria attivera’ per l’occasione. Gli orari e i tempi di viaggio degli autobus potranno variare in relazione al traffico stradale.

??RESTA SEMPRE AGGIORNATO: CLICCA MI PIACE ALLA PAGINA MONTI PRENESTINI QUI SOTTO??

16 Giugno 2019
Elena Santarelli inaugura la nuova attrazione di Rainbow Magicland
17 Giugno 2019
Il culto di San Vito, tradizione e religiosità

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *