Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Una ragione in più: Daniele Leodori rilancia la sua corsa per le prossime regionali

a cura della redazione – Messaggio politico elettorale

 

Una ragione in più. È questo il nuovo slogan che si legge sui manifesti di Daniele Leodori, vicepresidente uscente della Regione Lazio ed Emanuela Droghei, ex assessora al sociale di Ostia, a sostegno di Alessio D’Amato presidente.

Questa sera in via Libetta si è svolta la la presentazione delle due candidature alla presenza tra gli altri dell’ex ministro Dario Franceschini e del segretario regionale del Pd Bruno Astorre.

In questi mesi abbiamo lavorato fino all’ultimo miglio di questa consiliatura per lasciare una Regione più robusta e solida, capace di correre ed essere tra le forze trainanti del nostro Paese – ha spiegato Leodori. Abbiamo sanato il bilancio della Regione Lazio, l’abbiamo portata ai primi posti per spesa di fondi europei e abbiamo già messo a terra risorse e progetti del Pnrr. Oggi possiamo parlare di una Regione trasformata, anche amministrativamente. Nel 2013 pagava i suoi fornitori a 1000 giorni. Oggi li saldiamo entro la scadenza, con tutti i risvolti positivi, economici e sociali, che ne derivano per il territorio. Abbiamo fatto del Lazio una Regione innovativa, con una crescita delle startup del 147% negli ultimi 5 anni. Una Regione al servizio delle nuove generazioni, che dopo 10 anni segna il record di 30 mila borse di studio assegnate ai nostri ragazzi. Una Regione vicina a famiglie e imprese, sempre, anche nel momento più duro della pandemia. Al fianco dei cittadini con buoni spesa, sostegno all’affitto e ristori per aziende e lavoratori. Oggi inizia la mia campagna elettorale. Amiche e amici, in questi anni avete sempre potuto contare su di me, sulla mia disponibilità, sul mio lavoro. Abbiamo costruito insieme un rapporto basato sulla fiducia, superato fianco a fianco le difficoltà, macinato chilometri per fornire soluzioni immediate e concrete ai problemi di questa Regione. Ora siamo chiamati ad una nuova grande sfida, a dare continuità a questo lavoro, a non permettere a nessuno di riportare il Lazio nel passato. Io ci sono”.