Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Vagare, Zagarolo al centro di un progetto universitario per una città sostenibile

a cura della redazione

 

Si svolgerà il prossimo Sabato 15 Aprile l’incontro partecipato che illustrerà alla cittadinanza i risultati del progetto “VaGAre” (Valorizzazione Green di AREe fragili ad elevato potenziale culturale, storico e naturalistico). Focus del progetto è il territorio del nostro Comune; obiettivo è porre rimedio alle fragilità idrogeologiche rilevate e creare una viabilità più sostenibile per la Città di Zagarolo.

Zagarolo ha aderito al progetto “VaGAre” alla fine del 2020, il gruppo di ricerca è coordinato dal Prof. Andrea Benedetto di Roma Tre e dalla Prof.ssa Claudia Mattogno dell’Università La Sapienza di Roma.

a Zagarolo

I TAVOLI DI CONFRONTO

Sul finire dell’incontro sono previsti tavoli di partecipazione aperti a tutti, grazie al supporto di Andrea Benedetto, Claudia Mattogno, Antonio Cappuccitti, Marichela Sepe, Tullia V. Di Giacomo, Elena Paudice, Giulia Luciani, Valerio Gagliardi, Luca Bianchini Ciampoli.

TEMATICA 1 – VALORIZZAZIONE con Elena Paudice

Il tavolo affronta il tema della valorizzazione del patrimonio ambientale, storico-culturale.

TEMATICA 2 – RISCHI con Tullia V. Di Giacomo

Il tavolo affronta il tema dei rischi declinati sotto gli aspetti fisico-ambientali (dissesto idrogeologico, inquinamento) e delle pressioni (urbanizzazione e consumo di suolo, infrastrutture).

TEMATICA 3 – RISORSE con Antonio Cappuccitti

Il tavolo affronta il tema delle sinergie tra operatori pubblici e privati, delle reti umane e materiali, delle filiere agroalimentari, dei finanziamenti (nazionali ed internazionali), delle procedure e dei partenariati. Ricognizione di un quadro di desiderata e di possibili sinergie tra attori da approfondire in future iniziative.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: