Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Vino, botti ancora piene nelle cantine dei Monti Prenestini. Si investe nella qualità

Lievitano le giacenze, scendono i prezzi del vino, si accelera nell’export. È la fotografia data da Vite&Vino – bimestrale de L’Informatore Agrario in uscita lunedì 8 luglio – a uno dei prodotti bandiera del made in Italy: il vino bianco.

Un quadro complesso, quello ricavato incrociando i dati dei registri telematici dell’Icqrf (Ispettorato centrale Repressione Frodi), oltre ai numeri di Istat e Ismea (Istituto mercati agricoli), che evidenzia giacenze a fine maggio di quest’anno di prodotti a denominazione a quasi 38 milioni di ettolitri, l’equivalente di 5 miliardi di bottiglie Dop e Igp tra vini rossi, rosè e bianchi.

Il trend nazionale lo ritroviamo anche nelle cantine dei Monti Prenestini. Qui nella sponda romana della terra del Cesanese, i prezzi si annunciano in discesa ma si accelera anche sul fronte delle esportazioni.

“La vendemmia 2018 è stata abbastanza ricca nel complesso – spiega Raffaele Schiavella, titolare della Vinicola Schiavella, una delle aziende leader del territorio dei Monti Prenestini con sede a Genazzano. Complessivamente siamo quasi al 20% in più rispetto allo scorso anno. È una condizione certamente eccezionale che rispecchia il trend a livello nazionale ma è vero anche che sono cambiati i consumi. Come azienda – aggiunge Schiavella – abbiamo riscontrato un maggiore interesse verso le etichette di target più elevato. Insomma la qualità alla fine premia e il cliente sa riconoscerla. Dopo la partecipazione al Vinitaly di Verona – continua – abbiamo avviato importanti contatti con l’estero tra cui il Canada e abbiamo investito in nuove produzioni d’avanguardia come lo spumante con il metodo classico che sarà sul mercato tra due anni. Così cerchiamo di stare al passo con i tempi e a credere in un territorio e in un vitigno come il Cesanese che ha molte potenzialità».

4 Luglio 2019
Premio Vassallo, Castel San Pietro partecipa al bando che premia i sindaci più lungimiranti
5 Luglio 2019
VIII torneo open Città di Zagarolo, passione e adrenalina sui campi di Colle Labirinto

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *