Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Zagarolo: nasce il Consiglio delle bambine e dei bambini

a cura della redazione

Dopo l’approvazione del regolamento in Consiglio comunale, il Comune di Zagarolo ha istituito il “Consiglio delle bambine e dei bambini”.

A Palestrina - Scopri di più

Le riunioni inaugurali si svolgeranno Mercoledì 29 Maggio, ore 11.30, con l’Istituto Rita Levi Montalcini presso il Centro Anziani di Valle Martella e il 31 Maggio, ore 17.00, con l’Istituto Comprensivo Zagarolo presso il Teatrino di Palazzo Rospigliosi.

Le riunioni si svolgeranno a cadenza mensile e avranno luogo da Settembre 2024 a Giugno 2025, dopo l’avvio del progetto il 29 e 31 Maggio.

A San Cesareo

“Le classi interessate sono tutte le classi terze e quarte delle Scuole primarie dell’Istituto Comprensivo Zagarolo e dell’Istituto Rita Levi-Montalcini – spiega la Sindaca di Zagarolo, Emanuela Panzironi. – Il progetto del Consiglio delle bambine e dei bambini si affianca a quello del Consiglio comunale dei Giovani, una realtà importante e stimolante: entrambi saranno la voce della nostra popolazione più giovane in una collaborazione costante con l’Amministrazione comunale. Desidero ringraziare il Consigliere Alberto Iacovacci e gli uffici comunali per lo splendido lavoro svolto, Elisa Saioni la pedagogista che guiderà gli incontri del Consiglio dell’Istituto Comprensivo Zagarolo e lo psicologo Francesco Tonucci, ideatore del progetto La città dei bambini”.

Il Consiglio delle bambine e dei bambini di Zagarolo è una delle iniziative previste dal progetto “Il Lazio, la Regione delle bambine e dei bambini” e ha lo scopo di realizzare proposte ideate per migliorare le città dal punto di vista dei bambini (un’iniziativa regionale che va a recepire l’adesione dell’Italia alla Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia, come da progetto “La città dei bambini” di Francesco Tonucci). Oltre al Consiglio, il progetto di Zagarolo prevede altre due iniziative “A scuola ci andiamo da soli” e il “Diritto al gioco”.