Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

title-image

Blog

Zagarolo, un insulto razzista scuote un pomeriggio di calcio

ARoma l’allenatore di basket serie C femminile dà “uno schiaffo” a una giocatrice di 17 anni per un tiro sbagliato. A Zagarolo insulti razzisti tra giocatori in un match under 14.

A San Cesareo

Due episodi diversi che hanno scosso il mondo sportivo questo weekend stanno facendo discutere sui social.

Il primo, come riporta Repubblica, riguarda la Roma basket, dove il coach, durante un momento di pausa della gara contro l’ARAN Cucine Panthers Roseto, entra in campo per riprendere la giocatrice, si sbraccia, le urla in faccia per qualche secondo e poi, prima di arrivare in panchina, le dà addirittura un forte schiaffo dietro la nuca.

Increduli gli spettatori che hanno assistito e notato l’episodio, filmato in un video diventato virale sui social. La scena ha lasciato tutti con la bocca aperta e sui social fioccano commenti di persone indignate dal gesto, alcune delle quali presenti ieri sulle tribune di Rieti.

A difesa dell’allenatore diversi genitori.

A Zagarolo un insulto denunciato dall’Atletico Zagarolo 2000, terminato 8-0 per la formazione locale, sporca il pomeriggio sportivo. “Un episodio increscioso – si legge in una nota della società –  accaduto in campo che ha visto protagonisti Osadolor Aisosa, giocatore amaranto, e un giocatore della compagine romana che gli ha urlato contro: “sporco negro. Discriminazioni che non possono essere più tollerate e non si può andare avanti così. Eventi di questo tipo devono avere una grande visibilità: non possono passare inosservati, come se fosse un normale insulto. Ed è per questo che l’Atletico Zagarolo 2020 con una telefonata ha già informalmente denunciato agli organi federali l’accaduto. E’ una questione di rispetto per le persone. È incredibile come nel 2022 si verificano ancora episodi del genere”.