Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Not Found"]

Chiude impianto rifiuti, possibili disagi nei comuni della provincia di Roma


Ancora tensioni con la Regione. Ecco che cosa sta succedendo

Rida Ambiente, come giá anticipato alla Regione Lazio, con nota del 29 maggio scorso protocollo 692B, sospende il conferimento dei rifiuti presso il proprio impianto di Aprilia per tre giorni nelle date del 29-30 giugno e 1 luglio. Una scelta dettata dal progressivo esaurimento dell’area di stoccaggio del Css (accertato sia dal Comune di Aprilia a mezzo dei vigili urbani, e confermato da sopralluogo richiesto dalla Regione Lazio ed effettuato da Arpa Lazio e Nipaf) prodotto dall’impianto di via Gorgona dopo aver sottoposto a trattamento biologico meccanico i rifiuti conferiti dai comuni che si servono dell’impianto di Rida”: lo comunica la stessa società.

“Purtroppo questa decisione, lasciano filtrare dalla direzione di Rida, è dettata dal fatto che dopo aver visto la Regione soccombere in ben tre giudizi consecutivi presso il Tar del Lazio, l’assessore regionale al Ciclo dei Rifiuti Massimiliano Valeriani ancora non ha saputo indicare una discarica di servizio, costringendo così la societá apriliana a spedire fuori regione o all’estero il materiale prodotto dopo la lavorazione. Una circostanza confermata anche dalla dirigente del Settore Rifiuti della Regione Lazio, Flaminia Tosini, in audizione presso la Camera dei deputati”.

Fin da subito Minerva Ambiente si è impegnata, di concerto con i Comuni, per una riorganizzazione dei servizi al fine di evitare eccessivi disservizi e situazioni di particolare disagio. Nonostante questo, vista l’assenza di possibilità di scarico, sono possibili ritardi negli svuotamenti dovuti a fattori esterni alla nostra volontà. Invitiamo, in queste tre giornate, per quanto possibile, a minimizzare i conferimenti di rifiuto secco residuo, soprattutto nei comuni con servizio di raccolta stradale e terremo aggiornata la cittadinanza sugli sviluppi nelle prossime ore. Fiduciosi in una piena collaborazione, ringraziamo la cittadinanza per la comprensione.

30 Giugno 2020
Ospedale di Palestrina, il caos dei premi Covid: “A chi sì e a chi no”
30 Giugno 2020
A Genazzano si torna a bere l’acqua dai rubinetti: Acea investe oltre 600mila euro

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *