Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Not Found"]

Da zuccherificio a Fabbrica della musica: così a Colleferro rinasce un luogo della memoria

Da zuccherificio a Fabbrica della musica: così a Colleferro rinasce un luogo della memoria


La struttura, che rappresenta un importante intervento urbanistico e culturale, può contenere 200 persone e consentirà di promuovere le attività musicali e artistiche sul territorio


Uno zuccherificio del secolo scorso stasera è stato restituito alla città con un nome importante: “Fabbrica della musica”. In una piazza intitolata all’occupazione della fabbrica, in un quartiere “che tanto ha dato è poco ha ricevuto”. Perché come ha ben detto il sindaco Pierluigi Sanna: “Una città ha bisogno della sua bibliografia”.

Colleferro ha il suo auditorium, la struttura è stata donata alla cittadinanza dall’Amministrazione Comunale. L’investimento è stato circa 3 milioni di euro finanziati da Enti sovrapposti, Ministero e Regione, e 150 mila euro da bilancio comunale. La struttura, che rappresenta un importante intervento urbanistico e culturale, può contenere 200 persone e consentirà di promuovere le attività musicali e artistiche sul territorio. Il nome dell’Auditorium è “Fabbrica della Musica” a testimoniare la storia della città e il forte valore simbolico perché proprio in questo edificio risiedeva, tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900, lo zuccherificio primo insediamento industriale della futura Colleferro. Prima del rituale taglio del nastro, è stata intitolata la Piazza antistante l’Auditorium all’occupazione di fabbrica della BPD di Colleferro avvenuta nel marzo 1950.

L’evento di ieri è stato un susseguirsi di iniziative che hanno coinvolto il folto pubblico presente, la Confartigianato ha donato un defibrillatore all’Auditorium mentre l’Amministrazione Comunale ha messo a disposizione del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) una postazione all’interno della struttura che consentirà di facilitare le attività di recupero e di ricerca delle persone scomparse nel Lazio. Strabiliante il concerto diretto dal Maestro Mirka Rosciani che ha messo insieme la sua bravura e la passione per la sua città in un crescendo di emozioni. Il Maestro Gennaro Desiderio e l’Etherea Omnis hanno estasiato il pubblico presente con le musiche di Mozart, Vivaldi e Vessicchio, quest’ultimo ha diretto un brano inedito da lui realizzato.

9 Dicembre 2019
Ospedale di Palestrina, “il caos” del trasporto delle salme
9 Dicembre 2019
San Cesareo, addio a Zeno Mariani: uno degli ultimi testimoni dei dolori della Guerra

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *