Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Not Found"]

Distretto sociosanitario di San Vito Romano, dalla Regione Lazio nuovi fondi per l’assistenza ai disabili

Distretto sociosanitario di San Vito Romano, dalla Regione Lazio nuovi fondi per l’assistenza ai disabili


“L’obiettivo dell’investimento – dichiara l’assessore Troncarelli – è quello di assicurare i livelli essenziali della prestazioni sociali, riducendo le diseguaglianze territoriali”

 Dalla Regione Lazio 2,3 milioni di euro per la promozione della vita indipendente, con un incremento di 200mila euro rispetto all’anno precedente. Beneficiari dell’intervento regionale sono i 19 distretti socio-sanitari che utilizzeranno i fondi per garantire la prosecuzione e il rafforzamento dei servizi per la non-autosufficienza, in linea con il relativo Piano nazionale riferito al triennio 2019-2021.
I distretti socio-sanitari dovranno impiegare i fondi per attuare modelli di accompagnamento verso l’autonomia dei disabili e di presa in carico dei loro bisogni che prevedano l’utilizzo della valutazione multidimensionale, l’impiego di e’quipe multi-professionali e l’elaborazione di progetti personalizzati.


“La promozione dei diritti e l’integrazione delle persone con disabilita’- spiega Alessandra Troncarelli, assessore alle Politiche sociali, Welfare ed Enti locali- presuppone l’impegno a favorire una maggiore autonomia, anche con interventi di sostegno per lo svolgimento delle attivita’ quotidiane. In particolare, il progetto personalizzato, realizzato con la piu’ ampia partecipazione del cittadino non autosufficiente, e’ lo strumento per individuare e garantire le prestazioni sanitarie, sociali e socio-assistenziali di cui necessita. Servizi che sono indispensabili per migliorare la qualita’ della vita, nel rispetto della loro liberta’ di scelta”.


“L’obiettivo dell’investimento- continua l’assessore Troncarelli- e’ quello di assicurare i livelli essenziali della prestazioni sociali, riducendo le diseguaglianze territoriali.
Lungo questa linea, tracciata dal Piano sociale regionale ‘Prendersi cura, un bene comune’, proseguira’ il lavoro per promuovere la de-istituzionalizzazione dei servizi e aumentare il benessere delle persone piu’ fragili”. In base al criterio oggettivo della maggiore popolazione residente, di seguito l’elenco dei distretti socio-sanitari destinatari del finanziamento: Roma Capitale, FR B (Comune capofila: Frosinone);
LT 2 (Latina); RM 5.2 (Guidonia Montecelio); LT 1 (Aprilia); FR D
(Ente gestore: Consorzio del Cassinate); RM 6.4 (Pomezia); RM 4.4 (Consorzio Valle del Tevere); LT 4 (Fondi); RM 6.2 (Albano Laziale); LT 5 (Gaeta); RM 6.6 (Nettuno); FR C (Aipes); RM 6.1 (Grottaferrata); Rm 5.1 (Monterotondo); VT 3 (Viterbo); FR A (Alatri); RM 5.5 (San Vito Romano) e RM 6.3 (Marino).

21 Gennaio 2020
Mamme studentesse: per la laurea non c’è età!
21 Gennaio 2020
Piccole soste e auto a gran velocità, scoperta ad Artena “la casa della coca”

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *