Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Domani il voto sulla futura discarica, grillini divisi. E la Regione attende


Dopo la manifestazione di venerdì alla quale hanno preso parte diversi sindaci dei Monti Prenestini, ripartono i lavori. Cosa succederà

Riparte domani pomeriggio, con l’Assemblea Capitolina convocata dalle ore 15 alle 19, la discussione sull’individuazione dei possibili siti per lo smaltimento dei rifiuti a Roma. Ovvero una nuova discarica e alcuni impianti di trattamento. Venerdi’ l’aula, dopo una seduta nervosa caratterizzata da attacchi incrociati tra maggioranza M5s, opposizioni e sindaci dei territori della provincia, aveva esaurito le 7 ore di tempo a disposizione senza riuscire a votare gli ordini del giorno in programma. La discussione e’ partita dopo che la Regione Lazio il 27 novembre scorso ha emanato una ordinanza per indicare al Campidoglio scadenze precise entro le quali eseguire una serie di azioni volte a migliorare il ciclo di raccolta e smaltimento, tra cui l’indicazione di un sito per la creazione di una discarica di servizio.

Qualora il Comune non desse seguito al dettato del testo la Regione, a partire da giovedi’ 12 dicembre, potrebbe attivare i poteri di surroga e nominare un commissario preposto a scegliere dove localizzare l’invaso.Tredici i testi in votazione domani in Aula, tra questi un odg dei 5 Stelle che prevede la sindaca Virginia Raggi possa ricorrere al Tar contro l’ordinanza della Regione.


E poi le da mandato di opporsi alla realizzazione di nuovi invasi in citta’ all’interno di siti gia’ utilizzati per lo smaltimento fino a che non verra’ approvato il piano rifiuti della Regione Lazio. Traduzione: i 5 Stelle romani diranno No alla creazione di una discarica di servizio alla Falcognana piuttosto che a Monte Carnevale, i due siti tra i sette – individuati la scorsa settimana dal tavolo tecnico tra Campidoglio, Citta’ Metropolitana e Regione Lazio – che potrebbero essere allestiti nel minor tempo. Al momento del voto possibili pero’ le divisioni nel gruppo M5s, con la consigliera Simona Ficcardi che ha presentato un testo nel quale si sollecita l’approvazione dei bilanci Ama – manca ancora quello del 2017 (vicenda su cui e’ aperto un fascicolo in Procura) e poi impegna sindaca e giunta ad “escludere ogni nuovo impianto di termovalorizzazione dal piano industriale” della partecipata dei rifiuti.

??CONTINUA A RIMANERE INFORMATO: METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA??

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: