Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Intestino, così un controllo scientifico può cambiarci la vita: disponibile a Palestrina


Grazie ad una analisi del DNA del microbiota intestinale, anche tu puoi conoscere la composizione del tuo intestino. Cioè puoi conoscere quali specie batteriche sono presenti nel tuo intestino e in che quantità, in modo da riportare l’equilibrio intestinale

Avrai sicuramente sentito dire o avrai letto che l’intestino è il nostro secondo cervello. Studi e pubblicazioni lo confermano. E’ ormai assodato che dalla salute dell’intestino dipenda il benessere dell’intero organismo. Perciò mantenere in salute l’intestino non significa solo prevenire patologie importanti -acute o croniche, sgonfiare la pancia o facilitare la perdita di peso.

 Curare il benessere intestinale è il primo passo per volersi bene.

Come fare? Sicuramente prestando attenzione a cosa metti nel piatto. Secondo il piatto unico di Harvard, ogni pasto, a partire dalla colazione, deve essere bilanciato. Devono cioè esserci tutti i macronutrienti: carboidrati complessi -meglio se di farine non raffinate (quindi pasta, pane, riso integrale, ma anche orzo, farro, avena), proteine nobili e grassi buoni. Senza però trascurare il tempo che impieghi per consumare il pasto. Occorre masticare bene e mangiare lentamente

E’ necessario praticare regolare attività fisica. Cioè sono necessari 150 minuti di attività aerobica a settimana insieme a due sessioni di attività di forza (pesi), in palestra, per ridurre la massa grassa a favore del muscolo. 

E consumare 30 grammi di fibre al giorno.

Così facendo, riusciremo a mantenere in equilibrio il microbiota intestinale, cioè l’insieme dei microrganismi che popolano l’intestino e che “convivono” con l’organismo umano. Il microambiente è variegato. Ci sono più di mille specie batteriche diverse nell’intestino umano. Alcune “buone” che vanno tutelate ed altre potenzialmente patogene, cioè ben tollerate dall’organismo se presenti in ridotte quantità nel nostro intestino, ma capaci di innescare un ciclo di virulenza se in eccesso.  Il microbiota è specifico per ogni individuo e si modifica nei diversi stadi della vita. E’ un patrimonio genetico DINAMICO ed è influenzato dai fattori più diversi: fattori ambientali, stress, assetto ormonale (come in gravidanza, in menopausa o nel periodo premestruale), terapie farmacologiche, dieta scorretta, vita sedentaria.

Grazie ad una analisi del DNA del microbiota intestinale, anche tu puoi conoscere la composizione del tuo intestino. Cioè puoi conoscere quali specie batteriche sono presenti nel tuo intestino e in che quantità, in modo da riportare l’equilibrio intestinale (eubiosi) per favorire il recupero di uno stato di salute ottimale o più semplicemente per mantenere l’equilibrio intestinale (qualora già ci fosse).

Questa analisi prende il nome di BIOMAPLAN. La trovi disponibile solo nella nostra farmacia specializzata nella cura dell’intestino. Si esegue con tecniche di sequenziamento del DNA batterico, estratto dalle feci. Basterà munirsi del kit che troverai nella farmacia Pellegrino di Palestrina. Al resto ci pensiamo noi.

Collaboriamo con il BMR Genomics spin-off dell’Università di Padova per l’indagine microbiologica e ci avvaliamo della competenza del Prof. Alfredo Saggioro, gastroenterologo di fama internazionale, per delle indicazioni dietetiche: cibi da preferire e cibi da evitare per migliorare lo stato di salute. 

  • Perché è sempre bene sottoporsi a questa indagine? Perché conoscere la composizione del proprio microbiota in un dato momento significa avere uno strumento per migliorare il proprio stato di salute di quel momento, oltre che futuro.
  • A chi consigliamo di farlo? A tutti, sia in condizioni di salute che in condizioni patologiche.
  • In condizioni di salute

@ per migliore il proprio benessere perché un profilo sano del microbiota intestinale migliora la salute.

@ per la prevenzione di patologie intestinali: malattie infiammatorie intestinali, sindrome del colon irritabile, cancro del colon-retto, diverticolite, gonfiore e dolore addominale lieve-moderato.

@ per la prevenzione di patologie sistemiche: obesità, diabete, sindrome metabolica, allergie

@ per progettare APPROCCI DIETETICI PERSONALIZZATI, come ad esempio per gli sportivi per i quali l’efficienza metabolica di un microbiota equilibrato può essere un valido aiuto sia nel mantenimento della salute che nell’incremento della performance atletica.

@ per le DONNE in GRAVIDANZA e in ALLATTAMENTO quando il mantenimento di un profilo microbico sano è importante non solo per il proprio benessere ma anche per favorire la costruzione di un microbiota equilibrato nel neonato.

@ durante l’insorgere della MENOPAUSA quando il mantenimento di un profilo equilibrato del microbiota è d’aiuto per affrontare al meglio i grandi cambiamenti metabolici e fisiologici.

@ in fasi cruciali della vita umana, come l’infanzia (nei bimbi sopra i 5 anni) e l’invecchiamento durante le quali il mantenimento di un profilo sano del microbiota può contribuire alla prevenzione di allergie e limitare gli Stati infiammatori tipici dell’invecchiamento.

B. In condizioni patologiche 

@ durante l’insorgere e il persistere di SINTOMI INTESTINALI di lieve o media ENTITÀ come coliti episodiche, diarree ricorrenti, stipsi, flatulenza e difficoltà intestinali, al fine di valutare il coinvolgimento del microbiota intestinale per sviluppare approcci terapeutici di successo. 

@ in condizioni di sovrappeso e obesità 

@ durante l’insorgere o il ricorrere di disturbi del tratto URO-GENITALE allo scopo di apportare modifiche alla dieta che possono contribuire alla risoluzione di infezione urinarie (cistiti, uretriti) o dell’apparato genitale (vaginiti, infezioni da Candida) ed evitare le ricadute.

@ in corso di Dermatite Atopica e psoriasi.

Siamo a tua disposizione per ulteriori chiarimenti. Ci trovi in via della croce, 13 a Palestrina APERTI dal lunedì al sabato.