Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Jacopo: “Io, affetto da sclerosi multipla. Domani sarò in sciopero della fame”


Lo Stato italiano, ha stabilito che una persona malata, diversamente abile, può vivere con circa 10,00€ al giorno. La protesta di un ragazzo di Palestrina

“La fame va e viene ma la dignità una volta persa non torna più”. Attraverso un post su Facebook, Jacopo Lena, primo atleta body building affetto da sclerosi multipla, ambasciatore di Aism e papà di una bambina, annuncia lo sciopero della fame.

Da domani il giovane di Palestrina diventato uno dei simboli in provincia nella lotta a questa malattia, un punto di riferimento per le nuove generazioni del territorio, sarà sotto Montecitorio per far valere i propri diritti.

“Avrebbero dovuto aumentare le pensioni di invalidità civile lo scorso 27 gennaio da 285€ a 850€ – aggiunge Jacopo. Non lo hanno fatto. Oggi il governo ha dichiarato che le aumenteranno per il 2020 dello 0,4% passando così a 286€. Ma ci si rende conto che un invalido civile, quindi con un handicap che va oltre il 74% è una persona? – aggiunge. Come fa a vivere con 286€ al mese?
CHI HA DECISO QUESTO MISERABILE AUMENTO HA UNA COSCIENZA OLTRE AD AVERE UN VITALIZIO, UNA BELLA MACCHINA E UNA BELLA CASA?”

Evidentemente si è trattato di promesse elettorali, senza un reale peso, che puntualmente sono state disattese e che hanno contribuito all’attuale clima di sfiducia nei confronti delle istituzioni. Gli invalidi civili italiani, con percentuale di invalidità legalmente riconosciuta dalle commissioni mediche, compresa tra il 75% ed il 100%, e privi dell’integrazione economica garantita dalla famosa legge 104 (il famoso assegno di accompagnamento), percepiscono ad oggi la somma di circa 285,00€ al mese, per 13 mensilità. Ciò significa che, lo Stato italiano, ha stabilito che una persona malata, diversamente abile, può vivere con circa 10,00€ al giorno, ossia con una cifra che nella realtà non basta neppure a garantire un singolo pasto decente.

I pochi, pochissimi, invalidi che percepiscono l’integrazione del loro assegno a 780,00€ al mese, grazie al Reddito di Cittadinanza, percepiscono tale cifra solo perché in possesso dei normali requisiti richiesti a tutti gli italiani, e non per la loro condizione di invalidità.

Per questo motivo, il giorno 13 febbraio 2020, gli invalidi civili manifesteranno a Roma, in Piazza Montecitorio, sfidando il freddo e le loro evidenti difficoltà personali, per dire basta ad una condizione che, evidentemente, non riescono più né a sopportare né a tollerare.

La protesta è partita da alcune pagine Facebook dedicate all’invalidità civile, gli organizzatori non sono associazioni nazionali ma semplici persone che hanno deciso di prendere in mano la situazione, creare delle locandine e reclutare partecipanti da tutta Italia, organizzando logisticamente persino gli spostamenti, resi più difficoltoso proprio dalla condizione di disabilità dei manifestanti.

31 Gennaio 2020
A Zagarolo nasce la filiera della seta
31 Gennaio 2020
Virus Cina, farmacisti: “Panico non aiuta a combattere infezioni”

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *