Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

La Madonna del Rosario, alle origini dell’identità dei Monti Prenestini

La Madonna del Rosario è una delle tradizioni più importanti del territorio dei Monti Prenestini nelle quali la Chiesa cattolica venera Maria: la Vergine è rappresentata con una veste azzurra e una corona del Rosario tra le mani. Si tratta di una rappresentazione particolarmente frequente nella devozione dopo la Controriforma, la cui iconografia è ripresa da quella, più antica, della Madonna della cintola.

Questa festa fu istituita con il nome di “Madonna della Vittoria” dal papa Pio V a perenne ricordo della battaglia di Lepanto, svoltasi appunto il 7 ottobre del 1571, nella quale la flotta della Lega Santa (formata da Spagna, Repubblica di Venezia e Stato della Chiesa) sconfisse quella dell’Impero ottomano.

Il successore, papa Gregorio XIII, la trasformò in festa della “Madonna del Rosario“: i cristiani attribuirono il merito della vittoria alla protezione di Maria, che avevano invocato recitando il Rosario prima della battaglia.

Per motivi storici, politici e religiosi la famiglia Colonna presente in questo territorio da Zagarolo fino a Olevano Romano fu la protagonista indiscussa di questa battaglia e delle sue alterne vicende. Oggi in tutto il territorio si sono tenute processioni e sante Messe per celebrare uno dei culti più antichi di questo territorio, simbolo dell’identità delle famiglie che per secoli hanno governato i paesi dei Monti Prenestini. Da Poli fino a Genazzano, le parrocchie hanno ricordato questo momento storico a cui tutta la popolazione di queste terre prese parte in quegli anni difficili.

Prima della partenza della Lega Santa per gli scenari di guerra, san Pio V benedisse lo stendardo raffigurante, su fondo rosso, il Crocifisso posto fra gli apostoli Pietro e Paolo e sormontato dal motto costantiniano In hoc signo vinces. Tale simbolo, insieme con l’immagine della Madonna e la scritta S. Maria succurre miseris, issato sulla nave ammiraglia Real, sarà l’unico a sventolare in tutto lo schieramento cristiano quando, alle grida di guerra e ai primi attacchi turchi, i militi si uniranno in una preghiera accorata. Mentre si moriva per Cristo, per la Chiesa e per la Patria, si recitava il Santo Rosario: e i prigionieri remavano ritmando il tempo con le decine dei misteri. L’annuncio della vittoria giungerà a Roma 23 giorni dopo, portato da messaggeri del Principe Colonna. Il trionfo fu attribuito all’intercessione della Vergine Maria, tanto che san Pio V, nel 1572, istituì la festa di Santa Maria della Vittoria, trasformata da Gregorio XIII in «Madonna del Rosario».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: