Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

L’Europa e i cittadini, a Palestrina una riflessione sul futuro geopolitico: tra crisi e trasformazioni


Sono intervenuti Simone Buratti, analista di politiche europee della Commissione Europea e Diletta Alese della Gioventù Federalista Europea

Venerdì 10 gennaio si è tenuto presso la Pro Loco di Palestrina l’incontro “l’Europa e i cittadini” organizzato dall’associazione Idee in cantiere, come parte del percorso “Costruiamo insieme la comunità”. Un ciclo di iniziative che analizza alcuni tra i temi più urgenti ed “emergenti” del nostro quotidiano dagli occhi di chi li vive ogni giorno. Sono intervenuti Simone Buratti, analista di politiche europee della Commissione Europea e Diletta Alese della Gioventù Federalista Europea. Europa di ieri, oggi e di domani, limiti e potenzialità, falsi miti da smentire e opportunità di una storia ancora in divenire: questi alcuni tra gli spunti emersi durante gli interventi, completati dalle domande sulla situazione geopolitica e le implicazioni di un’Europa ancora non del tutto unita e compiuta.

Una storia, quella dell’Europa, spesso narrata come mero confronto di Stati e sigla di trattati e che deve oggi riscoprire oggi la sua narrazione dal basso, come storia di rivendicazioni e di lotte ancora in corso. Un dibattito sulle grandi crisi e trasformazioni del nostro tempo, che riconnette la vita quotidiana di un territorio come quello prenestino alle trasformazioni che ogni giorno incidono sulle nostre vite e che valicano e attraversano i confini nazionali. Qual è dunque il rapporto tra i cittadini e l’Europa? Quello delle opportunità certo, dei beni non contabilizzabili e di quelli di cui esistono le stime ben precise del guadagno “netto” prodotto dallo stare insieme. Ma anche quella della speranza di un presente e un futuro ancora da costruire, in cui la democrazia così come l’Europa tornino ad essere un processo di cui i cittadini possano tornare ad appropriarsi. In un contesto globale e globalizzato caratterizzato da sfide di dimensioni continentali, si pone oggi il problema di ridare significato alla democrazia, in crisi sul piano nazionale e in divenire su quello europeo. Un cantiere aperto, in cui ognuno di noi può trovare la sua dimensione di impegno in un contesto di urgenza, di crisi sistemica che attraversa in modo strutturale le nostre esistenze. Questo dibattito segna la voglia di cambiamento che va dai comuni al continente e che ci lega nella speranza di riuscire a realizzare il migliore dei mondi possibili. 

23 Gennaio 2020
“Le costellazioni invernali e il mistero di Sirio”, porte aperte al Museo Geopaleontologico di Rocca di Cave
23 Gennaio 2020
Magicland, apre la nuova attrazione sullo Spazio: come cambia il parco di Valmontone

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *