Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Mascherine bambini, il caos a scuola. Tra ritardi e corse all’acquisto


Per il Governo devono averle tutti, insegnanti e bambini. Ma ancora oggi ci sono ritardi

Da una parte i presidi che hanno annunciato in questi giorni ai loro insegnanti e alle famiglie che non distribuiranno mascherine per i bambini perché la fornitura ricevuta non è sufficiente. Dall’altra il presidente del Consiglio, la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina e il Commissario straordinario Domenico Arcuri che ribadiscono che i dispositivi di protezione individuale dovranno essere distribuiti a tutti: docenti, bidelli, allievi. Il risultato è un caos, anche nel territorio dei Monti Prenestini, dove ciascun Comune e istituto comprensivo si regolano a proprio modo e come possono.

C’è chi come a Olevano Romano le ha fatte trovare sui banchi gratuitamente, chi chiede ai genitori di provvedere e chi nega agli alunni l’utilizzo delle mascherine di stoffa.

I presidi, di fronte alla prima insufficiente fornitura, hanno scelto di dare le mascherine solo ai docenti nonostante il Commissario Arcuri abbia scritto loro una lettera nei giorni scorsi dove ricordava che i dispositivi sarebbero dovuti servire per insegnanti e allievi.

Complessivamente, per coprire il periodo 14-25 settembre sono in distribuzione 110 milioni di mascherine, 77 milioni per gli adulti e 33 milioni per i bambini dai 6-ai 10 anni.

Ma come saranno distribuite 11 milioni di mascherine? Il commissario Arcuri specifica che la “consegna sarà a cadenza settimanalebisettimanale o mensile a seconda del numero degli alunni e del personale al fine di non gravare sullo stoccaggio del materiale”. E a confermare il piano di Arcuri sono anche gli uffici di viale Trastevere: “Hanno fatto una prima consegna, ma prima del 14 arriveranno quantitativi più alti per soddisfare il fabbisogno di alunni e docenti”.

Ancora oggi Monti Prenestini ha verificato però alcuni ritardi nelle scuole del territorio. A non tutti è stata data la mascherina e il risultato è che è scattata la corsa all’acquisto in farmacia.

«Abbiamo ricevuto diverse chiamate, c’è una vera e propria corsa – confermano dalla Farmacia Pellegrino di via della Croce a Palestrina. Proprio oggi è in arrivo un nuovo ordinativo”

Le proposte alternative

Basta con le mascherine inquinanti e’ ora di passare alle visiere ecologiche. La proposta arriva dall’associazione ‘Visionari’ che ha preso carta e penna per scrivere alla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina. La proposta e’ semplice: usare visiere protettive anti-Covid realizzate utilizzando la stampa 3D abbattendo i costi di produzione e utilizzando plastica derivata dall’amido di mais, a basso impatto ambientale ed estremamente versatile.
Il progetto si chiama ‘Visionari Makeit’ ed e’ gia’ stato utilizzato per alcuni ospedali italiani. “Nelle prossime settimane- spiegano- molte scuole rischiano di rimanere sprovviste di mascherine da destinare agli alunni, una situazione che imporrebbe alle famiglie di provvedere autonomamente alle forniture per i propri figli con inevitabili costi a carico della collettivita’. Noi siamo pronti a far fronte all’emergenza proponendo un originale progetto che potrebbe coinvolgere direttamente alunni e famiglie”.
L’associazione ha chiesto alla ministra Azzolina di coinvolgere bambini, studenti e famiglie nella creazione di visiere protettive in 3D da destinare a quelle scuole dove si registrano carenze nelle forniture di mascherine, trasformando un obbligo di legge in una esperienza didattica e istruttiva.

17 Settembre 2020
Cave, tre nuovi contagi negli ultimi cinque giorni
17 Settembre 2020
Lazio, oggi 131 nuovi contagi. Al via task force nelle scuole

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *